METEO

HomeMagazineTerritorio

Ora vi lamentate del freddo ma in estate ne riparliamo: il 2019 è l'anno di "El Niño"

Non ci saranno bagni a Mondello né cocktail ghiacciati che ci salveranno: le previsioni per l'estate 2019 sono bollenti per l'arrivo della calura africana già a giugno

Balarm
La redazione
  • 4 marzo 2019

Una brioches con gelato (e panna) sullo sfondo di Mondello

Fate "ciao ciao" con la manina a piogge e venti gelidi: stanno arrivando afa insistente e temperature oltre i 40 gradi.

Le previsioni per la prossima caldissima estate non sono ovviamente dettagliate - è presto - ma una serie di metereologi possono già anticipare qualcosa.

Le mappe meteorologiche mostrano già le tendenze stagionali e ci lasciano prevedere un’estate 2019 caratterizzata dalla "calura africana".

Perché? Per colpa di El Niño: conosciuto anche con la sigla ENSO (El Niño-Southern Oscillation), è un fenomeno climatico periodico che provoca un forte riscaldamento delle acque dell'Oceano Pacifico Centro-Meridionale e Orientale (quindi vicino all'America Latina) nei mesi di dicembre e gennaio ogni cinque anni.

Non è un vento: è una teleconnessione atmosferica che provoca inondazioni nelle aree a lui vicine ma anche siccità nelle zone più lontane da esso, quindi noi.

È infatti un fenomeno capace di influenzare il clima anche in Europa provocando ondate di caldo impossibili da raccontare, caratterizzate da anticicloni sub-tropicali e con valori oltre i 40 gradi.

Ma non è solo colpa sua: insieme a lui è già stata prevista la cosiddetta "bolla africana". Avremo quindi temperature che inizieranno ad alzarsi già a giugno per raggiungere picchi di 33 e 34 gradi, specialmente a sud: un caldo africano che comqunque si sposterà poi anche a nord.

Il periodo più critico, sempre secondo la parola degli esperti, è quello tra metà luglio e metà agosto: colpa dell’anticiclone tropicale che ci porterà quella meravigliosa umidità che si attacca alla pelle.

articoli recenti