GRANDI EVENTI

HomeMagazineSport

Palermo Capitale della Scherma: dal fioretto alla spada, sei mesi di ospiti ed eventi

A giugno sulle pedane palermitane saliranno atleti del calibro di Aldo Montano, Bebe Vio, Elisa Di Francisca, Arianna Errigo e i siciliani Garozzo, Avola e Fiamigno

Balarm
La redazione
  • 3 ottobre 2018

L'oro olimpico di scherma Beatrice "Bebe" Vio

Un altro riconoscimento per Palermo che nel 2019 sarà "Capitale della Scherma italiana": la decisione è stata assunta dal Consiglio federale della Federazione Italiana Scherma.

Ogni anno l'istituzione sportiva assegna questo appellativo a una città italiana e per il prossimo tocca allora a Palermo che si appresta a ospitare grandi ospiti.

Infatti è nel capoluogo siciliano che si disputeranno i Campionati Italiani Assoluti e Paralimpici 2019, in programma nel mese di giugno.

Per l'occasione e sulle pedane palermitane vedrempo atleti del calibro di Aldo Montano, Bebe Vio, Elisa Di Francisca, Arianna Errigo ed i siciliani Daniele Garozzo, primo olimpionico figlio di Sicilia nella storia olimpica della Regione, Giorgio Avola, Rossella Fiamingo e tanti altri.

Tutte iniziative che precedono la manifestazione iniziano però già in autunno: tra la fine del 2018 e i primi sei mesi del nuovo anno.

Vedremo allora gli allenamenti collegiali delle Nazionali azzurre di fioretto, spada e sciabola, gare di carattere nazionale rivolte agli under14, ma anche eventi promozionali e finanche un workshop che coinvolgerà i principali stakeholders a livello nazionale della Federazione Italiana Scherma.

La Federazione Italiana Scherma ha scelto proprio Palermo come sede dei festeggiamenti per i 110 anni di storia di quella che è la realtà sportiva più medagliata dello sport italiano.

«Quella di Palermo è una scelta che punta a segnare un ritorno “a casa” della scherma, in una delle sue capitali storiche – dice il Presidente della Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso - Grazie al progetto “Fencing for Change” promosso dall’Esercito Italiano e che ha coinvolto da due anni l’Amministrazione Comunale, le istituzioni scolastiche, la Curia Arcivescovile e le società schermistiche palermitane, abbiamo avuto modo di constatare la voglia di tornare a vivere la scherma in questa città».

«Palermo ha nel suo DNA questa disciplina che veniva praticata soprattutto nei “salotti” delle famiglie nobili - continua - fino a qualche decennio fa, inoltre, la città ha ospitato anche competizioni internazionali».

«È tempo quindi che la scherma torni in una delle città simbolo d’Italia e crediamo che, grazie alla sinergia ed alla comunione d’intenti con l’Amministrazione comunale ed il sindaco Leoluca Orlando, le diverse iniziative poste in essere e soprattutto i festeggiamenti in onore dei 110 anni di storia della Federazione Italiana Scherma e poi i Campionati Italiani Assoluti e Paralimpici, possano essere l’inizio migliore per una nuova era per la scherma palermitana».

«Siamo grati al Consiglio Federale e al Presidente Scarso – commenta Leoluca Orlando – per questo segnale di attenzione per la nostra città; un’attenzione cui corrisponde e cui corrisponderà la passione ed il caloroso seguito di pubblico che faranno da corollario a tutte le manifestazioni. La presenza nella nostra città di tanti campioni olimpici e paralimpici sarà certamente un modo per far conoscere ed apprezzare questo sport e sarà per noi uno stimolo a realizzare e supportare la realizzazione di tanti eventi piccoli e grandi per un vero e proprio anno di festa sportiva».

ARTICOLI RECENTI