AMBIENTE

HomeMagazineSocietàAmbiente

Più "Bandiere Blu" nel 2021: dove sono le dieci spiagge siciliane con il mare cristallino

Otto conferme e due new entry per la Sicilia che anche quest'anno si aggiudica il riconoscimento della "Foundation for Environmental Education". Ecco dove si trovano

Balarm
La redazione
  • 11 maggio 2021

Il litorale di Marina di Ragusa

Mare risultato "eccellente" da 4 anni, efficienza della depurazione delle acque reflue e della rete fognaria, raccolta differenziata, vaste aree pedonali, piste ciclabili, arredo urbano curato, aree verdi.

Sono questi i parametri con cui la ong internazionale Fee (Foundation for Environmental Education) ha assegnato anche quest'anno il prestigioso riconoscimento della Bandiera Blu 2021 alle spiagge più pulite d'Italia.

La bella notizia è che le località balneari su cui sventola la bandiera blu sono aumentate, salendo dalle 195 del 2020 alle 201 di quest'anno, insieme agli 81 porti turistici (rispetto ai 75 dello scorso anno) e che dieci di queste si trovano in Sicilia.

Per questa 35esima edizione, infatti, l'Isola ha ottenuto due riconoscimenti in più rispetto allo scorso anno. Le dieci bandiere blu distribuite in Sicilia si trovano tra le province di Messina, Agrigento e Ragusa.

La metà delle più belle spiagge della Sicilia si trova lungo la costa della provincia di Messina, che conquista il 50% delle Bandiere Blu assegnate quest’anno all’Isola, tra cui una delle due new entry.



In particolare, si tratta delle località di Roccalumera, Alì Terme, Santa Teresa di Riva, Lipari (nelle Eolie) e Tusa nel messinese; Menfi nell’agrigentino; Ispica, Pozzallo, Marina di Ragusa e Marina di Modica.

E in Sicilia c'è anche uno dei porti turistici che hanno ricevuto il riconoscimento che è quello di Capo d’Orlando, sempre nel Messinese.

Secondo la ong, il porto di contrada Bagnoli ha rispettato i requisiti richiesti per l’assegnazione internazionale "garantendo la qualità e la quantità dei servizi erogati nella piena compatibilità ambientale», come si legge nella motivazione.

«Un’ottima notizia che migliora ulteriormente l’offerta del turismo balneare in Sicilia - ha dichiarato l’assessore regionale al Turismo, Manlio Messina -. La conferma dei precedenti riconoscimenti e l’aggiunta di altre due “Bandiere blu” per il 2021 dimostrano, ancora una volta, quali siano le potenzialità che l’Isola ha dal punto di vista naturalistico».

Per quanto riguarda la situazione nelle altre regioni italiane, sono 416 in totale quest’anno (407 nel 2020) le spiagge con mare cristallino, che corrispondono a circa al 10% dei lidi premiati a livello mondiale.

Sul podio si conferma prima la Liguria con 32 località, mentre sale in seconda posizione la Campania con 19 Bandiere (con un nuovo ingresso ma anche un’uscita) che sorpassa e fa scivolare al terzo posto la Toscana che ottiene 17 vessilli blu (con tre uscite) a pari merito con la Puglia che guadagna due bandiere (tre nuovi ingressi e un’uscita).

Le Marche, spiega la ong internazionale, salgono a 16 bandiere blu (un nuovo ingresso), la Calabria va a quota 15 (due nuovi ingressi e un’uscita) mentre la Sardegna riconferma 14 località (con un nuovo ingresso e un’uscita).

L’Abruzzo sale a 13 (tre nuovi ingressi), il Lazio arriva a 11 (con due nuovi Comuni).

Rimangono invariate le 10 bandiere del Trentino Alto Adige, a 10 sale la Sicilia con due new entry (Roccalumera e Modica), sono confermate le 9 Bandiere del Veneto, così come le 7 località dell’Emilia Romagna.

La Basilicata conferma le sue 5 località ; si registrano due uscite in Piemonte che ottiene 2 Bandiere; il Friuli Venezia Giulia conferma le 2 dell’anno precedente. Il Molise rimane con 1 Bandiera Blu, anche la Lombardia conferma 1 Bandiera blu.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI