ATTUALITÀ

HomeMagazineSocietàAttualità

Quando la vera prigione è l’ignoranza: imbrattata la statua di Crispi a Palermo

Una vicenda spiacevole per due aspetti perché se da un lato loro che si definiscono "indipendentisti" hanno commesso un atto deplorevole oltre che un reato, dall'altro c'è il silenzio totale

Balarm
La redazione
  • 18 marzo 2022

La statua di Crispi imbrattata di vernice (foto Balarm)

Lo hanno fatto nella notte tra il 16 e il 17 marzo, per l’anniversario dell’Unità d’Italia. Hanno preso di mira la statua di Francesco Crispi, situata a piazza Croci, a Palermo.

Una vicenda spiacevole per due aspetti, perché se da un lato loro che rivendicano il gesto e si definiscono "indipendentisti", hanno commesso un atto deplorevole oltre che un reato, dall'altro lo hanno fatto indisturbati e nelle ore a seguire, a farla da padrona, è stata l'indifferenza su quanto accaduto. Nessuna denuncia, silenzio totale sull'accaduto.

L'unica comunicazione che è arrivata è stato un comunicato stampa inviato dagli stessi autori dell'atto vandalico e che non pubblicheremo, perchè non condividiamo atti simili per dare voce alle proprie idee. Provare "storico disprezzo verso quest'uomo", come hanno scritto, non autorizza a imbrattare la città, che si tratti di una statua, un muro, un palazzo, qualunque cosa sia un patriomonio di tutti.

A chi di dovere il compito di individuare gli autori.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE