STAGIONI

HomeMagazineCulturaTeatro

Tanti spettacoli e uno sguardo solidale sul Capo: la nona stagione del Teatro alla Guilla

Una ricca stagione tra spettacoli in cartelloni di prosa e danza, una rassegna dedicata ai bambini senza dimenticare in contesto nel quale si è calati: il Capo

Alessia Rotolo
Giornalista
  • 18 novembre 2019

Valerio Strati e Domenico Bravo in "Alle spalle, la vita"

Teatro, musica e danza con uno sguardo solidale rivolto alle famiglie del quartiere Capo. Al via la nona stagione del Teatro alla Guilla di Palermo, nel cuore del mercato storico, con la direzione artistica dell’attore e regista Valerio Strati.

L'anticipazione della stagione (tutti gli spettacolo iniziano alle ore 21) ha visto protagonista, lo scorso 16 novembre, lo spettacolo “Odissea” di e con Sandro Dieli. Ma il primo appuntamento ufficiale è venerdì 29 novembre alle 21 con il concerto "Looner" di Fabrizio Brusca (chitarra) e Marco Grillo (chitarra).

Si continua dal 6 all'8 dicembre quando il sipario del piccolo teatro alle spalle della cattedrale di Palermo si apre su "Ciò che accadde all'improvviso" scritto e diretto da Rosario Palazzolo con Francesco Gulizzi, Rosario Palazzolo e Anton Giulio Pandolfo.

Per la danza appuntamento con i balli gitani il 13 dicembre con lo spettacolo "Duende gitano" con Floriana Patti (baile), Marcello Savona (chitarra e canto), Armando Fiore (percussioni).



Per la sezione teatro, altro spettacolo in cartellone con la prima di “Fiato di mamma”, il 17 e 18 gennaio, sempre di e con Sandro Dieli. Un uomo parla alla madre ammalata, silenziosa e ormai priva di coscienza apparente. L'uomo l'accudisce da anni e probabilmente da anni si trascina questo monologo del figlio con la madre.

Lo spettacolo racconta il confronto tra malattia e accudimento, tra vita e morte in quel confine sottile in cui non è più chiaro chi soffra e chi no. A seguire, il 7 e l’8 febbraio, un'altra prima: “La parte mancante dell’angelo”, scritto e diretto da Domenico Bravo con Giada Baiamonte.

La storia vera di un’omosessualità in un tempo e in una regione difficile dove è impossibile rivelarsi e pensare di fare outing, all’interno di vincoli familiari considerati sacri e inviolabili.

Sempre a febbraio (il 22 e 22) c’è Giuseppe Massa con “Miracolo”, che vede in scena Glory Arekekhuegbe, Gabriele Cicirello e Paolo Di Piazza.

Altro spettacolo di prosa è "Mi abbandono" con Alessandra Pizzullo e Valentina Barresi per regia Sandro Dieli in programma per l'1 e il 2 marzo.

«Continuiamo a proporre nuovi progetti che hanno difficoltà a veder luce in altri luoghi o spettacoli già visti che meritano una seconda visione. – dice Valerio Strati – Il Teatro alla Guilla è un luogo dove mettere in scena quello che si vede meno in altri contesti. Senza dimenticare il quartiere Capo e il rapporto che continuiamo a cercare di creare con il territorio. Attraverso l’arte e la solidarietà, per esempio».

Ritorna lo spettacolo “Alle spalle, la vita”, il 13 e il 14 marzo, scritto e diretto da Domenico Bravo e con Bravo e Valerio Strati. Si continua con la prosa con lo spettacolo “Mi abbandono” con Alessandra Pizzullo e Valentina Barresi. E per la danza: “Shame in Italy diritti? No, grazie!” di e con Simona Argentieri il 27 e il 28 marzo.

E il 17 aprile un'altra prima “Una spina nella carne” di e con Francesca Ritrovato e le musiche dal vivo del cantautore calabrese Fabio Macagnino che racconta le storie tratte dalle vecchie cartelle cliniche dei pazienti dell’ospedale psichiatrico di Girifalco in Calabria.

Per la danza, sezione curata dalla danzatrice Silvia Giuffrè, invece, come prime in calendario, c’è “Solo” di e con Carlomauro Maggiore e le musiche di Giuseppe Rizzo il 15 e il 16 maggio.

Il cartellone si chiude il 29 e il 30 maggio con lo spettacolo di danza "Lo spaventapasseri" di e con Daniele Marranca e Irénée Blin.

Anche quest’anno la Guilla propone la formula del “Pane e teatro” con una serie di serate solidali in cui il pubblico invece di pagare un biglietto porta a teatro dei generi alimentari da donare alle famiglie bisognose del quartiere, tramite le associazioni attive sul territorio. In allegato il programma completo.

L'ingresso al singolo spettacolo costa 7 euro più 3 euro tessera associativa valida un anno. L'abbonamento a 5 spettacoli a scelta costa 30 euro, quello completo a 12 spettacoli costa 72 euro. Per informazioni e prenotazioni chiamare il numero 333 6059116 o inviare una mail a teatroallaguilla@gmail.com.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI