BANDI E OPPORTUNITÀ

HomeInformagiovaniBandi e opportunità

Un bando da 50mila euro per una cultura aperta: la Fondazione Sicilia seleziona progetti

C'è tempo fino al 17 gennaio 2023 per presentare la domanda. Il bando si rivolge alle associazioni che vogliono contribuire a rendere accessibile la cultura a tutti

Balarm
La redazione
  • 17 novembre 2022

La biblioteca di palazzo Branciforte

Perché la cultura dell’inclusione passa soprattutto dell’abbattimento dei confini di accessibilità fisica, sensoriale e culturale al patrimonio.

Si chiama "Access it!" il bando promosso dalla Fondazione Sicilia che mette a disposizione 50 mila euro per le associazioni del territorio che vogliono presentare progetti finalizzati alla promozione e al miglioramento dell'accessibilità al patrimonio culturale anche per i soggetti con disabilità cognitive o motorie o con esigenze particolari.

In particolare il bando riguarda progetti per i seguenti settori: "Arte, attività e beni culturali: interventi di pubblico interesse", "Ricerca scientifica e tecnologica" e "Sviluppo sostenibile: protezione e qualità ambientale".

I progetti possono riguardare servizi e tool per implementare l’accessibilità web di siti, app e piattaforme culturali basate su diversi profili di accessibilità, sistemi interattivi.
Adv
E ancora, soluzioni progettuali per l’abbattimento delle barriere architettoniche, utilizzo di modelli e stampe 3D, tecniche di realtà virtuale e realtà aumentata, postazioni multimediali, servizi di audioguida integrati.

C'è tempo fino alle 13.00 del 17 gennaio 2023 per presentare la domanda che deve essere inviata attraverso il collegamento sul sito web di Fondazione Sicilia, nella sezione "Bandi" e previa iscrizione alla piattaforma ROL.

«Secondo un’indagine Istat del 2016, in Italia abbiamo un patrimonio culturale di 4.976 siti di interesse, tra pubblici e privati. Tuttavia – commenta il presidente della Fondazione Sicilia, Raffaele Bonsignore - solo poco più di un terzo di questi offre servizi di assistenza ai visitatori con disabilità; soltanto in un quinto dei musei sono presenti supporti informativi specifici.

Si tratta di dati che è assolutamente necessario migliorare, perché inclusione e accesso alla cultura devono andare di pari passo ed essere priorità assolute. La Fondazione Sicilia si è da sempre mossa in questa direzione, e il bando "Access it!" è il nostro contributo affinché il patrimonio italiano sia veramente e interamente fruibile da tutti».
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI