RICETTE

HomeMagazineFoodRicette

Un gustoso piatto dal sapore intenso: ricetta originale delle sarde a beccafico palermitane

Le migliori sarde si pescano proprio in primavera, momento ideale per questo piatto che con pochi ingredienti e passaggi trasforma un pesce povero in un "boccone da re"

Balarm
La redazione
  • 10 maggio 2020

Sarde a beccafico palermitane

Le sarde a beccafico, in siciliano sardi a beccaficu, è una delle tante ricette di umili origini tramandateci dai domestici delle cucine baronali siciliane, servite in genere come antipasto o come secondo piatto e che a Palermo prevede una sola sarda arrotolata o a barchetta.

Uvetta, pinoli e pangrattato sono gli elementi base del ripieno, a cui si possono aggiungere altri ingredienti opzionali: fette di arancia o limone, ad esempio. La ricetta nasce proprio come imitazione di una pietanza destinata, in passato, esclusivamente all'aristocrazia: i beccafichi ripieni.

Questi uccelletti dalle carni molto gustose, venivano cucinati e farciti con le loro stesse interiora, erano il bottino di caccia dei nobili siciliani. Quella che sembrava essere una prelibatezza riservata a pochi, fu presto riprodotta con ingredienti poveri e più facilmente accessibili: le sarde sostituirono i volatili, mentre la mollica di pane e i pinoli presero il posto delle interiora degli uccelli. Nacquero così le sarde a beccafico.



Il piatto è famoso in tutta la Sicilia, ma in base alla provincia di appartenenza è possibile trovare delle varianti. Ecco i passaggi della ricetta delle sarde a beccafico alla palermitana.

Ingredienti per 6 persone:

1 Kg di sarde
8 o 10 cucchiai di pangrattato
100 gr di uva sultanina
100 gr di pinoli
Un cucchiaio di prezzemolo tritato
Foglie di alloro

Procedimento:

Preparate il ripieno con il pangrattato leggermente tostato, un cucchiaino di zucchero, un cucchiaio di olio, prezzemolo tritato, uva sultanina, pinoli, sale e pepe.

Disponete un po' del ripieno su ogni sarda, dalla parte interna e arrotolatela su se stessa. Allineate gli involtini in una teglia unta di olio, alternandoli con foglie di alloro.

Innaffiate con olio e sugo di limone e passate nel forno per 15-20 minuti. Alcune fettine d'arancia daranno un'aroma più delicata al piatto.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI