PROGETTI

HomeMagazineTerritorio

Una luce Liberty illumina (un pezzetto di) Palermo: i lampioni in arrivo lungo la costa

Non sono solo belli, sono anche "intelligenti": dalle Mura delle Cattive fino a villa Giulia, il Foro Italico di Palermo sarà illuminato da centinaia di luci in stile "Palermo"

Balarm
La redazione
  • 14 giugno 2019

Dove c'era l'antico porto (la Cala), sul Foro Italico e fino alla monumentale villa Giulia sono in arrivo centinaia di lampioni alti e decorativi che non sono soltanto di gusto estetico che fa l'occhiolino allo stile Liberty, sono anche di nuovissima generazione.

Simili infatti a quelli che ci sono in centro storico (leggi qui la storia di come Palermo, nel Settecento, si illuminò di color ocra) i lampioni sono alti otto metri fuori terra a singolo braccio e a doppio braccio e saranno disposti ai lati e pure sullo spartitraffico centrale.

Sono "intelligenti": l'intero progetto per il nuovo impianto di illuminazione prevede anche l’installazione di un sistema intelligente che consentie la regolazione dei semafori e il controllo remoto dei quadri attraverso una piattaforma di monitoraggio, la copertura wi-fi e l'allestimento di sistemi per la rilevazione del traffico e impianti di videosorveglianza.

Alle Mura delle Cattive: per quanto riguarda i lampioni dell’area pedonale davanti alle Mura, dati i vincoli monumentali, l'impianto verrà soltanto potenziato mantenendo l’impianto esistente.

All’interno delle aiuole verranno messi 39 lampioni alti circa 3 metri e mezzo con delle lanterne a forma tronco-piramidale dotate di sistema di illuminazione a led che non rovineranno l’illuminazione progettata per le mura, costituita da 56 luci incassate a terra.

Il progetto si chiama "Luci sul mare" e prevede la valorizzazione del tratto “Porto Fenicio” attraverso la riqualificazione degli impianti di illuminazione pubblica: il finanziamento è di oltre 2 milioni di euro (fondi del Pon Metro) e i lavori dureranno circa un anno.

Il risultato: secondo l’amministrazione Comunale si avrà un risparmio energetico di almeno il 50% con pure la riduzione dell’inquinamento luminoso e delle emissioni di Co2.

articoli recenti