TEATRO

HomeNewsCulturaTeatro

Una prima assoluta tra opere e balletti: la stagione lirica del Teatro Bellini di Catania

I titoli lirici in programma per la nuova stagione di opere e balletti rappresentano il trionfo dell’opera italiana, dal Romanticismo al Verismo ai nostri giorni. Il cartellone

Balarm
La redazione
  • 7 luglio 2023

Teatro Massimo Bellini di Catania

Investire nel linguaggio universale della musica per esaltare e veicolare le proprie radici.

Quella annunciata dal Teatro Massimo Bellini di Catania è una nuova stagione di opere e balletti che si staglia autorevolmente nell'agone musicale internazionale per la progettualità coraggiosa e l’ampiezza di respiro.

Nella configurazione dei titoli spicca la novità assoluta Il berretto a sonagli, tratto dal capolavoro omonimo di Luigi Pirandello e commissionato dal Teatro a Marco Tutino, compositore tra i più prestigiosi del panorama della musica contemporanea.

I titoli lirici in programma rappresentano il trionfo dell’opera italiana, dal Romanticismo al Verismo ai nostri giorni. Da Donizetti a Verdi, da Puccini a Ponchielli fino a Tutino.

I due balletti rispondono ad una logica affine: un grande classico di Čajkovskij figura accanto alla nuova creazione di Roberto Zappalà.

Lo schema del cartellone comprende 5 opere e 2 balletti, per una stagione che vede in primo piano le formazioni artistiche del Bellini, Orchestra e Coro, quest’ultimo istruito da Luigi Petrozziello.
Adv
Sontuosa inaugurazione - dal 12 al 20 gennaio 2024 - con la pucciniana Turandot, fiaba di amore, morte e redenzione, che vede sul podio il direttore ospite principale Eckehard Stier.

Una peculiarità è l’adozione del completamento del terzo atto firmato da Luciano Berio, al posto del consueto finale composto da Franco Alfano a causa della prematura morte del maestro lucchese. Nelle prime parti Daniela Schillaci e Anastasia Bokdireva, Angelo Villari, Elisa Balbo, George Andguladze. Regia di Alfonso Signorini.

Dall'1 al 9 marzo 2024 è il momento de Il berretto a sonagli è abbinato ad un'altra opera di Marco Tutino, La Lupa, dalla novella di Giovanni Verga, su libretto di Giuseppe Di Leva. Dirige Fabrizio Maria Carminati, per la regia di Davide Livermore, raffinato metteur en scene.

Nel cast Nino Surguladze/Laura Verrecchia (la Lupa e, nel Berretto, la Signora Assunta La Bella), Irina Lungu/Valentina Bilancione (Mara nella Lupa e la Signora Beatrice Fiorica nel plot pirandelliano), Alberto Gazale (Ciampa), Sergio Escobar (Fifi La Bella). Dal tragico ritratto di una donna che sfida le convenzioni al dramma di una borghesia ingabbiata nelle regole dell’ipocrisia.

Torna dal 19 al 27 aprile 2024 dopo diverse stagioni Lucia di Lammermoor, pietra miliare del melodramma protoromantico dalle atmosfere ossianiche. Nel cast vocale Maria Grazia Schiavo, Giulio Pellagra, Christian Federici, Francesco Demuro. Stefano Ranzani dirige la partitura donizettiana e Giandomenico Vaccari cura la regia.

Il Bellini ripropone il proprio allestimento del Rigoletto‌ verdiano con la regia di Leo Nucci, Jordi Bernàcer direttore e Amartuvshin Enkhbat. In scena dal 29 ottobre al 6 novembre 2024.

La Gioconda di Amilcare Ponchielli va in scena dal 13 al 21 dicembre, la partitura prediletta della giovane scuola, vedrà sul podio Gianluca Martinenghi e come interpreti Rebeka Lokar, Angelo Villari, Carlo Ventre, Franco Vassallo, Silvia Beltrami, George Andguladze.

Gli appuntamenti con Tersicore parlano linguaggi coreografici diversi, classico e contemporaneo.

Titolo esemplare del balletto accademico, Il lago dei cigni di Čajkovskij viene eseguito dal 24 al 28 gennaio 2024 nella coreografia di Aleksej Fadeecev, a sua volta mutuata dall’originale di Petipa e Ivanov. Corpo di ballo e solisti sono del Teatro Nazionale Georgiano di Tbilisi, con il quale prosegue la collaborazione.

Roberto Zappalà, coreografo e regista di levatura internazionale nel campo della danza contemporanea, presenta una novità, il Trittico Debussy-Ravel-Stravinskij , in scena dal 6 al 13 ottobre 2024.

La Compagnia Zappalà Danza si esprime qui nella rielaborazione di celeberrime pagine concepite per i Ballets Russes di Diaghilev: Après-midi d'un faune, Boléro, Le Sacre du printemps.

INFO BIGLIETTI E ABBONAMENTI
L’avvio della campagna abbonamenti comporta la possibilità di rinnovare l’abbonamento esercitando il diritto di prelazione entro il 30 novembre 2023. Nel frattempo è possibile sottoscrivere nuovi abbonamenti.

I biglietti per i singoli spettacoli vanno da 25 a 105 euro a seconda del settore.

Il botteghino è aperto il martedì e il sabato, dalle 9.30 alle 13.00, dal mercoledì al venerdì, dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.00. La domenica il botteghino apre un'ora prima di ogni rappresentazione prevista. Il lunedì è chiuso.

Per maggiori informazioni potete consultare il sito web del Teatro Massimo Bellini di Catania o contattare il teatro al numero 095 7306135
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI