PROGETTI

HomeMagazineTerritorioMobilità

Una via di Palermo cambia volto tra aree per bimbi e anziani: nasce "Borgo Napoli"

C'è un progetto su via Napoli, nel centro storico di Palermo, nato in seno ad un comitato di commercianti che vorrebbe la via senza auto parcheggiate e con aree verdi

Alessia Rotolo
Giornalista
  • 3 luglio 2019

Via Napoli a Palermo

Si chiama "Borgo Napoli" ed è il nome di un progetto per riqualificare la via Napoli (che parte da via Maqueda e arriva in via Roma) sommersa dalle auto, dai rifiuti e dall'incuria. Già, perché sebbene si trovi a due passi dalla via Maqueda pedonale, la via Napoli, viva e florida dal punto di vista commerciale, purtroppo è completamente abbandonata e inondata dalle auto parcheggiate.

Il progetto nasce da un comitato formato da quasi tutti i commercianti e imprenditori presenti nella via, più di venti, che hanno cominciato a vedersi e a maggio scorso hanno immaginato la via completamente sgombra da macchine e dai cassonetti (nella zona non è ancora partita la raccolta differenziata) con diversi spazi verdi dedicati ad anziani e bambini e con tanti spazi colori dai graffittari.

Il nome "Borgo Napoli" nasce dalla voglia di creare una comunità come quelle che esistono nei piccoli paesi, nei borghi, dove si conoscono tutti, dove ci si aiuta gli uni con gli altri e si creano sinergie. «Vogliamo fare rinascere la via - spiegano i commercianti - investendo sullo svago e sull'ecologia. Lo svago che però non è la movida, ci teniamo a precisarlo. Tutti insieme abbiamo pensato e scritto un progetto che prevede un'area verde per i bambini, un'area dedicata agli anziani, un'altra con una scacchiera con dei grandi scacchi, e anche un'area con una pedana dove potere dare pilates o yoga all'aperto. Insomma un luogo vivibile a qualsiasi età, e nella massima tranquillità».

I commercianti e attivisti civici sono stati già a parlare con l'assessore alla Mobilità Giusto Catania, l'assessore al Decoro Fabio Giambrone e il presidente della Rap Giuseppe Norata. «Sono tutti entusiasti e disponibili ad aiutarci in questo processo - aggiungono - che ci piace immaginare sia una sorta di prolungamento della via Maqueda».

I Prossimi passi saranno una raccolta firme per la pedonalizzazione e un periodo di sperimentazione che sarà fatto per il Festino di Santa Rosalia, quando il tratto che dalla via Maqueda porta in via Roma sarà pedonalizzato per tre giorni e verrà animato da una grande tavolata e da una cena sociale.

«Vogliamo festeggiare qui la santuzza - spiegano gli imprenditori - metteremo delle luminarie di benvenuto per segnalare che la via è in festa. Le luminarie ci piacerebbe che restassero tutto l'anno. Nel nostro progetto c'è anche una parte dedicata per uno skatepark, ci piacerebbe piantare alberi, avere delle panchine, colorare i marciapiedi e appendere girandole colorate, ci piacerebbe insomma uscire dal grigiume e vivere in mezzo ai colori, lontani dalle macchine. Le macchine dei residenti avranno dei parcheggi riservati ma in altre traverse».

La via manterrà una parte carrabile, ma le auto parcheggiate andranno via e al loro posto nascerà un piccolo polmone verde dove tutti, dai bambini agli anziani, potranno trovare il loro spazio per passare delle ore piacevoli e in compagnia.

ARTICOLI RECENTI