SCOPRIAMO L'EUROPA

HomeBlog › Scopriamo l'Europa

"Youth Sing Europe": gli studenti siciliani diventano parlamentari europei per un giorno

Per comprendere l'importanza della nostra partecipazione attiva allo sviluppo delle politiche dell'UE, l’associazione "Rock10elode" ha promosso la simulazione di una vera seduta plenaria del Parlamento Europeo

Associazione "Rock10elode"
A sostegno della creatività di giovani autori e musicisti
  • 7 aprile 2021

Lo scorso 29 marzo 2021 si è tenuto il quinto e ultimo seminario del progetto "Youth Sing Europe", realizzato dall'associazione "Rock10elode" con il contributo del Parlamento Europeo e il Patrocinio dell'Assemblea Regionale Siciliana.

Il ciclo di 5 seminari, che si sono svolti su piattaforma Zoom, ha avuto l’obiettivo di illustrare ai ragazzi di vari Istituti superiori di Palermo e provincia, il significato di “Unione Europea”, le sue origini e la sua funzione svolta attraverso le sue Istituzioni.

Nel corso di uno specifico seminario, a cui ha preso parte come relatore il Vicepresidente del Parlamento Europeo, Fabio Massimo Castaldo, noi giovani abbiamo compreso quanto sia importante la nostra partecipazione attiva allo sviluppo delle politiche dell'UE, e in questa prospettiva, l’associazione "Rock10elode", in collaborazione con Beta Italia che l’ha organizzata e gestita, ha promosso la simulazione di una vera seduta plenaria del Parlamento Europeo.



Il Parlamento europeo, istituzione nata nel 1952 come Assemblea Comune della CECA (Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio), diventata Parlamento Europeo nel 1962, con le prime elezioni dirette nel 1979. Organo legislativo dell’Unione Europea, composto da 705 deputati eletti nei 27 stati membri in proporzione alla popolazione, viene eletto ogni cinque anni direttamente dai cittadini dell’unione.

I 7 gruppi politici che compongono il Parlamento Europeo, sono organizzati in base allo schieramento politico, non in base alla nazionalità. Ciascuno ha un numero minimo di 23 deputati. Un deputato non può aderire a più gruppi politici. Inoltre, i deputati che non aderiscono a nessun gruppo politico sono noti come deputati non iscritti. Ciascun gruppo politico ha un presidente, un ufficio di presidenza e una segreteria.

Per preparare il lavoro del Parlamento europeo nelle sessioni plenarie, i deputati si suddividono in commissioni permanenti, ciascuna delle quali specializzata in determinati settori. Vi sono attualmente 20 commissioni parlamentari, composte da un minimo di 25 a un massimo di 81 deputati. La composizione politica delle commissioni parlamentari rispecchia quella dell'aula.

Le commissioni elaborano, modificano e votano proposte legislative e relazioni d'iniziativa. Esaminano le proposte della Commissione e del Consiglio e, in alcuni casi, redigono una relazione da presentare in aula. In aula i seggi sono attribuiti ai deputati in base alla loro appartenenza politica, da sinistra a destra. Prima di ogni votazione in aula, i gruppi politici esaminano le relazioni elaborate dalle commissioni parlamentari e presentano emendamenti.

Grazie alla simulazione realizzata lo scorso 29 marzo, abbiamo preso parte a una vera e propria seduta parlamentare, durante la quale un gruppo di noi studenti ha ricoperto il ruolo di eurodeputato e di giornalista, altri hanno fatto da spettatori. Abbiamo discusso una proposta di legge della Commissione Europea, abbiamo apportato degli emendamenti e, in ultimo, abbiamo votato. Come se ci trovassimo realmente all’interno di una seduta parlamentare.

È stata un’esperienza unica e significativa, soprattutto all’interno di un percorso di PCTO che ha proprio la finalità di far vedere nel concreto tutto ciò che si studia. Oggi, alla luce di tutto ciò che abbiamo appreso, possiamo considerarci non soltanto cittadini europei ma anche cittadini informati, consapevoli degli strumenti messi a nostra disposizione per prendere parte alla vita democratica appena avremo raggiunto la maggiore età, attraverso il voto.

Mjriam Castagnino e Francesco Paolo Santangelo
IV anno PCTO-Giornalismo del Liceo Scientifico “Ernesto Basile” di Palermo
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI