MUSICA

HomeMagazineCulturaMusica

"The First Touch": tutto l'amore e il piano di un siciliano

Da un grande amore, il successo come musicista. L’ingegnere palermitano Marco Di Stefano cerca fondi sul web per finanziare il suo primo disco “The First Touch”

  • 16 marzo 2014

Per visualizzare questo video, dai il tuo consenso all'uso dei cookie dei provider video.
Sulle note dell’amore di una vita intera, un pianoforte racconta la storia di Marco Di Stefano, un giovane palermitano che, come tanti, ha lasciato la sua terra in cerca di un futuro migliore e che, come pochi, non ha dimenticato i sogni e le passioni di quando era solo un ragazzo.
Oggi Marco vive in Belgio, è un ingegnere ed è anche un marito e un padre; ma ciò che non ha mai smesso di essere è un musicista perché, anche se le scelte e le responsabilità allontanano da un desiderio nascosto, chi vive la musica lo fa per esigenza.
Marco è tornato a sedere dinanzi al suo pianoforte e, dopo aver lanciato il suo progetto musicale sulla piattaforma di crowd funding di San Francisco www.indiegogo.com, cerca finanziatori per il suo primo disco attraverso internet.
Marco si racconta sulla pagina dedicata al suo progetto con un video in italiano e in inglese che in pochi minuti lascia entrare nel suo mondo: un mondo fatto di semplicità e amore; di famiglia e musica. Lei, sempre lì; da sempre lì: come una compagna di vita fedele. E dalla pagina è possibile sovvenzionare la produzione del suo disco investendo da un minimo di 5 euro a un massimo di 500 euro.
Una storia, quella di Marco, che nasce senza un perché come le più intense storie d’amore. «Non so come sia accaduto – racconta – ma nel 1998 ero talmente innamorato della ragazza che sarebbe diventata mia moglie; so che mi sono seduto al pianoforte, che non avevo mai suonato prima e che con enorme semplicità la musica è cominciata a fluire dalle mie mani. Sono queste le composizioni che oggi ho registrato e che si possono ascoltare nella pagina a me dedicata. Dal 1998 al 2008 ho scritto 80 pezzi, di cui dieci per orchestra ma è proprio dai primi brani che voglio cominciare il mio progetto – conclude - perché, senza alcuna pretesa, sono diretti ed emotivi. Così invito il mondo della rete ad ascoltarmi e, magari, a finanziare il mio progetto: perché, al di là degli esperti, non c’è miglior giudice del pubblico».
Il progetto di Marco Di Stefano ha già scalato le classifiche di Indiegogo, raggiungendo la top ten. C’è tempo fino mercoledì 16 aprile per aiutarlo a produrre il suo “The First Touch”.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

I VIDEO PIÙ VISTI