EVENTI

HomeMagazineCultura

Cinquanta luoghi per 14 itinerari: la "Giornata FAI d'autunno" investe la Sicilia

Palazzi, residenze storiche, chiese, teatri, archivi, terrazze e interi borghi e quartieri, alcuni mai aperti: domenica 15 ottobre il Fai apre le porte di luoghi in tutta la Sicilia

Balarm
La redazione
  • 12 ottobre 2017

La chiesa Delle Grazie di Alcara Li Fusi

È domenica 15 ottobre la Giornata Fai d'autunno 2017, evento che in tutta Italia apre le porte e i cancelli dei luoghi più insoliti, quelli meno valorizzati e meno accessibili del Paese grazie ai volontari del Fondo Ambiente Italiano.

In Sicilia gli itinerari tematici sono quattordici: i volontari delle delegazioni Fai guideranno i visitatori per cinquanta luoghi, molti dei quali inaccessibili o poco valorizzati e ogni itinerario connetterà questi luoghi secondo una prospettiva particolare: la musica, l’acqua, il cielo, le tradizioni artigiane, l’amore sacro o l’amore profano e altri concetti.

Ad aprire al pubblico e ai soci saranno palazzi, residenze storiche, chiese, teatri, archivi, terrazze panoramiche, ma anche interi borghi e quartieri.

Come a Palermo, dove i volontari del Fai apriranno, per la prima volta al pubblico, una sala finora mai visitata del Museo Archeologico Salinas, impreziosita da un soffitto ligneo del Seicento d’inestimabile pregio e lo Stand Florio, un progetto del Basile, e la spiaggia di Romagnolo dove i visitatori potranno riscoprire la presenza del mare in città.

In Sicilia occidentale, con la delegazione di Trapani e il suo percorso alla scoperta del Palazzo Vescovile, l’archivio diocesano e la Cattedrale, mentre in provincia il Gruppo Fai Alcamo racconta la storia, i monumenti e le vedute nascoste del più antico quartiere della città, in un originale itinerario denominato "Il suono dell’acqua".

La delegazione Fai di Agrigento dedica il suo itinerario alla figura di Andrea Lucchesi Palli, Vescovo della diocesi dal 1755 al 1768, con la visita dei monumenti più pregevoli legati alla sua figura. La delegazione di Caltanissetta ha ideato una passeggiata storica tra i monumenti di Viale Amedeo, ripercorrendo le trasformazioni subite dagli edifici nel corso dei secoli.

Originale e imperdibile l’itinerario della delegazione di Catania: una passeggiata tra le nuvole per ammirare la città dall’alto dei suoi tetti. "Viva il Re Viva la Santa Fede" è invece il tema scelto dal Gruppo Fai di Caltagirone, mentre la delegazione di Enna porterà alla scoperta dell’antico quartiere di Fundirisi.

E ancora, l’itinerario del Gruppo Fai di Nicosia si svolge, di chiesa in chiesa, nell’antico quartiere di Santa Maria Maggiore, mentre quello della delegazione di Messina è dedicato ai segreti dei palazzi amministrativi della città, il palazzo del Catasto, che si apre per la prima volta, e la Biblioteca Regionale.

In provincia due percorsi, uno naturalistico e uno storico, ad Alcara Li Fusi. Spostandoci nella Sicilia sudorientale c’è la delegazione di Ragusa con la visita guidata dello storico cimitero superiore.

Il Gruppo di Scicli aprirà invece il Museo del Carmine, per un tema interamente dedicato all’arte sacra, mentre la delegazione di Siracusa rende omaggio all’architettura bellica.

All’accesso di ogni bene sarà richiesto un contributo facoltativo, preferibilmente da 2 a 5 euro, a sostegno dell’attività della Fondazione.

Per gli iscritti Fai e per chi si iscriverà per la prima volta durante l’evento – a questi ultimi sarà dedicata eccezionalmente la quota agevolata di 29 euro anziché 39 - saranno riservate aperture straordinarie, accessi prioritari, attività ed eventi speciali in molte città come per esempio gli ingressi esclusivi a Catania, dove è aperta per loro la chiesa di Sant'Agata la Vetere (chiesa, cripta, colatoi e campanile) e a Caltagirone con il ponte di San Francesco.

La quota agevolata varrà anche per chi si iscriverà per la prima volta tramite il sito web del Fai durante tutto il mese di ottobre, mese incui è attiva la campagna di raccolta fondi "Ricordiamoci di salvare l’Italia", sostenuta dai Gruppi Fai Giovani.

Per informazioni sulle aperture visitare anche la pagina web dedicata alle Giornate Fai o chiamare il numero 02.467615399. Le iniziative si svolgeranno anche in caso di condizioni meteo avverse salvo ove espressamente indicato.

articoli recenti