Bandi e opportunità

HomeInformagiovaniBandi e opportunità

Bellezza e rigenerazione dei luoghi, torna Culturability 2020: cosa fare per partecipare

Il nuovo bando diventa biennale ed è rivolto a centri culturali e luoghi rigenerati e già attivi da almeno due anni. Ecco tutti i dettagli e la procedura da seguire per candidarsi

Balarm
La redazione
  • 15 aprile 2020

Ex Fadda, l'officina del sapere (Puglia)

Un budget complessivo di 600 mila euro. Luoghi e centri culturali protagonisti. E due anni di tempo per sviluppare iniziative di innovazione culturale e sociale. Ecco in sintesi gli ingredienti principali che compongono il nuovo bando Culturability 2020 dedicato al sostegno e allo sviluppo dei centri culturali rigenerati già attivi dislocati in tutta Italia.

I bandi culturability sono attivi dal 2013 grazie all'iniziativa della Fondazione Unipolis che ha avviato questi progetti con l'obiettivo di sostenere le nuove organizzazioni e i nuovi professionisti del settore culturale e creativo. Cinque edizioni - dal 2013 al 2018 - a cui hanno partecipato complessivamente oltre tremila persone.

L'edizione 2020 del bando cambia e si adegua all'attuale situazione mondiale dovuta all'emergenza sanitaria generata dal Coronavirus.

«Ci siamo domandati - si legge sul sito di Culturability- se avesse senso confermare l'apertura del nuovo bando. Consapevoli che siamo in un momento di profonda crisi culturale, economica e sociale, ci siamo risposti di "sì".



Vogliamo offrire un supporto alle tante organizzazioni culturali in difficoltà, che continueranno nei prossimi mesi ad accusare gli effetti della chiusura dei propri spazi e dell'annullamento dei loro eventi in queste settimane. Vogliamo dare nuove occasioni di bellezza, aggregazione e confronto con e per le comunità, quando potremo tornare a incontrarci».

Ecco dunque tutte le novità, i destinatari del bando e gli step da compiere per poter partecipare.

Il bando diventa biennale e rimarrà aperto fino al 2022. L'idea è quella di utilizzare al meglio tutto il tempo necessario per conoscere da vicino i candidati e supportare – con logiche e strumenti nuovi – i centri selezionati nel lungo periodo.

I destinatari. Il bando è aperto a centri culturali innovativi già attivi da almeno due anni, frutto di processi di rigenerazione dal basso. Luoghi in cui si sviluppano processi di innovazione culturale con un impatto sociale e civico, e si sperimentano nuove logiche di ingaggio e collaborazione con le comunità di riferimento.

Si passa così dai luoghi rigenerati ai luoghi rigeneranti, che abbiano intrapreso negli anni passati percorsi di rigenerazione e trasformazione dei contesti e delle comunità di riferimento.

Come partecipare: tempistiche e scadenze. La call è aperta fino alle ore 13 del 16 giugno 2020.

Per partecipare occorre collegarsi al sito Culturability nell'apposita sezione dedicata al bando 2020; andare alla pagina “Form", scegliere l'opzione registrazione e inserire username, nome, cognome, email. A quel punto riceverete una mail con la password temporanea e con un link che rimanda alla pagina dove effettuare la procedura di login, inserendo le proprie credenziali e modificando la password temporanea.

Si può così accedere alla sezione “Compilazione form". Dopo aver compilato e inviato il modulo si riceve una mail di conferma del corretto invio e si potrà visualizzare la propria candidatura.

Contributi. I centri culturali selezionati verranno supportati con un percorso che dura fino a un anno e mezzo, attraverso tre forme di sostegno: il grant, in forma​ di erogazione liberale, per un valore massimo di 90 mila euro per centro; contributi economici, in forma di voucher, per un valore massimo di 30 mila euro per centro, da usare per attività di consulenza, ricerca e sviluppo; e un supporto continuo da parte di un team di mentor, per un valore massimo di 25 mila euro per centro.

Il sostegno sarà erogato in tre tranche, in funzione del raggiungimento di obiettivi e risultati concordati all'inizio del percorso.

ARTICOLI RECENTI