STORIE

HomeMagazineCulturaStorie

Dal paesello siciliano a Milano con una lapa di libri: Salvatore e la sua libreria d'asporto

Il piccolo grande sogno su quattro ruote di Salvatore Lanno adesso è realtà: la Libreria d’Asporto. Lui, scrittore, che vuole che tutti possano godere di un amico come il libro

Grazia La Paglia
Giornalista e blogger
  • 6 gennaio 2022

Dalla Sicilia alla Lombardia per creare una libreria itinerante, d'asporto, che permetta ai bambini e ai giovanissimi che vivono in luoghi di periferia di accedere gratuitamente a tantissimi libri. Libri donati. È questo il piccolo grande sogno su quattro ruote di Salvatore Lanno adesso diventato realtà: la Libreria d’Asporto, che ha iniziato a percorrere le strade intorno al cuore pulsante della Lombardia – Milano, appunto – da non molte settimane.

All’interno, libri dello stesso autore ma anche e soprattutto di scrittori, emergenti e non, che hanno messo (e vorranno mettere) a disposizione delle copie dei propri lavori, gratuitamente, per raggiungere nuovi luoghi e nuove persone. La storia della Libreria d’Asporto nasce quindi con Salvatore Lanno e non sarebbe stata possibile senza la sua migrazione da sud a nord. Una migrazione come tante, certo, ma che non si è fermata alla semplice (quanto essenziale) ricerca di un lavoro.

“Vivo in provincia di Milano da venti anni – dice Salvatore, ricordando quel periodo in cui la nebbia (a differenza di adesso) era davvero fitta - Ho lasciato il mio paesello, Calatafimi, per trovare nuove realtà, per un futuro diverso da quello che un piccolo centro può darti. Infatti qui ho fatto diverse cose che in Sicilia non avrei mai potuto realizzare. Ovviamente sono fiero di essere nato in Sicilia: sono quello che sono solamente grazie alle mie radici”.
Adv
Tra le tante iniziative realizzate in Lombardia c’è, per esempio, un progetto che ha permesso la realizzazione della Libreria: il concorso nazionale letterario "Artisti per Peppino Impastato”. Bandito ogni anno, vede la partecipazione di tantissimi talenti. Di conseguenza, la casa di Salvatore si è ben presto riempita dei tanti volumi candidati al concorso. “Non avevo più spazio in casa, non sapevo più a quale struttura donarli – ricorda – “così ho pensato di realizzare una libreria che, spostata con l'ausilio della mia autovettura, andrà in giro per scuole, giungerà nei parchi e in qualsiasi altro luogo in cui potrà e vorrà essere accolta”.

Obiettivo: “raggiungere realtà giovanili che non hanno la possibilità di avere libri a portata di mano – continua l’ideatore del progetto - Pochi giovani solcano la porta di una libreria, un po’ per pigrizia oppure perché attirati da altri interessi. La sfida è quella di cercare di avvicinare più giovani alla lettura e alla scoperta di nuovi mondi”. Anche la scelta dei temi da trattare, durante i vari incontri realizzati con la Libreria d’Asporto, non è casuale: bullismo, legalità, laboratori di poesia.

Ad ogni sua “tappa”, infatti, la Libreria punterà i riflettori su tematiche delicate e particolari, essenziali per la crescita dei giovanissimi. E per raggiungere questo obiettivo, per realizzare il suo sogno su quattro ruote e carico di libri, Salvatore non ha badato a spese: la struttura portante, cioè il rimorchio speciale, e la libreria di legno interna, fatta su misura, sono state realizzate appositamente per il progetto, a sue spese.

Una "pazzia", come la definisce – ironicamente – lo stesso ideatore, che adesso apre a possibile collaborazioni con sponsor o con chiunque voglia, nel proprio piccolo, dare una mano per supportare la libreria che cammina per le strade della Lombardia.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

LE FOTO PIÙ VISTE