MANIFESTAZIONI

HomeMagazineCultura

Con le stampelle o in sedia a rotelle: i luoghi de "Le Vie dei tesori" accessibili per tutti

Il festival apre le porte di oltre cento luoghi d'arte tra giardini e monumenti di Palermo tra il 5 ottobre e il 4 novembre: ecco gli spazi adatti a chi si muove con difficoltà

Balarm
La redazione
  • 17 settembre 2018

Cinque weekend dal 4 ottobre al 5 novembre per 130 luoghi storici, artisti e monumentali di Palermo (guardali tutti sul sito) che aprono in occasione della dodicesima edizione de "Le vie dei Tesori".

Decine e decine di questi luoghi sono accessibili o parzialmente accessibili per chi ha difficoltà motorie: diversamente abili, anziani o semplicemente persone in convalescenza che hanno bisogno di stampelle o carrozzine (scarica il pdf con l'elenco completo dei luoghi accessibili e i relativi orari e giorni di apertura).

Chiese, musei, castelli, giardini e palazzi privati tra cui il maestoso Castello di Maredolce a Brancaccio o la chiesa dei SS. Quaranta martiri alla Guilla del Borremans o ancora la chiesa del Carmine Maggiore nel cuore di Ballarò.

Interessante anche la visita alla chiesa di Santa Maria degli angeli ovvero La Gancia su via Alloro con la famosa buca della salvezza
scavata dai patrioti e quella "cattedrale" normanna che è la Magione con il suo parco.

Non solo luoghi di culto: anche il dipartimento di Architettura apre la sua sede nell'ateneo di Palermo, l'Ecomuseo del Mare a Sant'Erasmo o ancora i teatri..

Teatro Massimo, Real Teatro di Santa Cecilia o Politeama: per gli amanti della magie delle quinte e del dietro le quinte ecco le visite nei palcoscenici degli spazi teatrali di Palermo.

E ancora: il Giardino della Concordia nel quartiere di Pallavicino, il Giardiino di villa Napoli e la sua piccola Cuba o il Mulino di Sant'Antonino, dove nel 1600 i monaci “fabbricavano” il pane.

La maggior parte dei siti è aperta e visitabile con i coupon (da 10 euro 10 visite, 5 euro 4 visite e 2 euro una visita, che puoi acquistare a questo link) ma ci sono anche alcuni luoghi aperti solo su prenotazione (che potete fare a questo link).

Accessibili, i luoghi su prenotazione sono il Grand Hotel piazza Borsa realizzato tra il 1907 e il 1912 su progetto del celebre architetto Ernesto Basile, l'ex Monte di Santa Rosalia oggi Palazzo Branciforte e la meravigliosa Villa Tasca che sorge in un parco di 8 ettari ricco di agrumeti e alberi secolari.

articoli recenti