INIZIATIVE

HomeMagazineSocietàMobilità

È ufficiale la Ztl notturna: a dicembre parte il divieto alle auto in centro storico

Venerdì 6 e sabato 7 dicembre si inizia a sperimentare la Ztl notturna (dalle 20) a Palermo: il provvedimento resta valido per le serate dei fine settimana

Balarm
La redazione
  • 14 novembre 2019

Via Maqueda pedonale a Palermo

L'idea era partita lo scorso anno, quando il Consiglio della prima Circoscrizione aveva approvato la proposta di deliberazione per l’estensione della ZTL (zona a traffico limitato) nei giorni di venerdì e sabato dalle 20.00 alle 04.00 (fino alle prime ore di domenica, quindi) con il contestuale potenziamento del servizio di navetta gratuita (free bus).

Ci siamo quindi: il primo fine settimana di dicembre parte ufficialmente il provvedimento della Ztl notturna: venerdì 6 e sabato 7 dicembre, a partire dalle 20, il perimetro di zona a traffico limitato del centro di Palermo è vietato alle auto senza permesso.

Come funziona? Esattamente come il provvedimento diurnoi: se non si possiede il pass è necessario acquistare - anche dal tabaccaio - il ticket giornaliero da 5 euro. E quanto alla richiesta di diversi commercianti ed esercenti, è stata accantonata l’ipotesi di lasciare una fascia oraria di libertà intorno all'ora di cena.



Ciò che temono i gestori dei locali è la desertificazione della zona con conseguenti chiusure delle varie attività: "Con il provvedimento che entra in vigore - dice la presidente di Confesercenti Palermo Francesca Costa - potremo dire addio a pub e ristoranti. Bisognerebbe prima accertare - spiega ancora - se gli obiettivi sulla tutela ambientale e la qualità dell'aria sono stati raggiunti da quando la Ztl diurna è attiva. D'altronde lo scopo principale è questo, invito quindi l'amministrazione a rendere noti i dati prima di dare il via a nuove sperimentazioni».

«Nell’ultimo anno numerose sono state le segnalazioni di residenti che hanno avuto difficoltà ad accedere persino fisicamente al portone della propria abitazione per via delle auto parcheggiate selvaggiamente in qualunque spazio disponibile - dicono dalla prima circoscrizione - A ciò si aggiunge l’inquinamento ambientale ed acustico prodotto da una fruizione non regolamentata, con l’inevitabile conseguenza dell’intasamento delle strade del centro storico».

«Riteniamo fondamentale inoltre che il potenziamento delle aree di parcheggio, attualmente oggetto di studio da parte del Comune e l’implementazione del servizio di navetta free bus, si combinino con ulteriori forme di agevolazioni inerenti la mobilità (esempio taxi sharing, biglietti ztl notturna a prezzi calmierati, etc.)».
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI