SANITÀ

HomeMagazineSaluteSanità

Il "Bonus psicologo" ottiene il primo via libera: come funziona e chi può richiederlo

La misura è stata approvata dalle commissioni riunite Affari Costituzionali e Bilancio della Camera. Ecco, nel dettaglio, in cosa consiste e quali sono i requisiti per richiederlo

Balarm
La redazione
  • 17 febbraio 2022

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori

Seicento euro per andare dallo psicologo. Un contributo da spendere nel 2022 per sedute di psicoterapia per curare malesseri e disagi psicologici aggravati dai due anni di pandemia. Si tratta del "bonus psicologo", che nella notte fra il 16 e il 17 febbraio ha ottenuto il primo ok alla Camera.

Le commissioni riunite Affari Costituzionali e Bilancio hanno dato il via libera alla misura - proposta con un emendamento presentato dal deputato Filippo Sensi (Pd) - inserendola nel decreto Milleproroghe, che sarà all'esame della Camera domani, venerdì 18 febbraio.

Ma in cosa consiste il "bonus psicologo" e chi potrà richiederlo? Si tratta di un contributo massimo di 600 euro l'anno a persona per sostenere le spese relative a sessioni di psicoterapia fruibili presso psicoterapeuti privati regolarmente iscritti all’Albo. «Nel presupposto che una tariffa minima relativa ad una seduta di psicoterapia presso uno specialista privato si attesti intorno ai 50 euro - si legge nel documento approvato -, ogni contributo corrisponderà ad un rimborso indicativo di 600 euro (50 euro per 12 sedute)».



Potranno richiederlo tutti i cittadini italiani senza distinzioni d'età, dopo prescrizione medica con diagnosi del disagio. L'importo del bonus varia in base alla fascia di reddito (Isee) del beneficiario, «al fine di sostenere le persone con Isee più basso». Ad ogni modo, non potranno farne richiesta tutti coloro che hanno un Isee superiore a 50 mila euro.

La misura ha una dote di circa 20 milioni di euro, che verranno così suddivisi: 10 milioni per sostenere le strutture del sistema sanitario nazionale per potenziare e favorire l'accesso ai servizi di psicoterapia e psicologia. L'altra metà invece verrà utilizzata per erogare i bonus psicologo. Pertanto, complessivamente il finanziamento previsto consentirebbe di soddisfare una platea di circa 16.000 soggetti.

Le modalità di presentazione della domanda per accedere al contributo e i requisiti richiesti per la sua assegnazione verranno stabiliti con decreto del ministro della Salute di concerto con quello dell'Economia, entro 30 giorni dall'approvazione definitiva della misura.

Secondo David Lazzari, presidente del Consiglio nazionale ordine degli Psicologi: «Questo bonus è un ottimo punto di partenza, ma si può e si deve fare di più - ha detto in un'intervista a Notizie.com -. In particolare, bisogna aumentare i consultori di supporto psicologico come servizi di prossimità in tutte le regioni e istituire il servizio di psicologia scolastica. Da molti mesi, come CNOP, chiediamo un sostegno per le persone che, a causa della pandemia, necessitano di un aiuto psicologico e non solo sanitario».
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE