CURIOSITÀ

HomeMagazineSocietàCuriosità

La Sicilia ha il suo primo Borgo Gentile: ospiterà anche il "Festival degli Abbracci"

Il borgo farà della gentilezza il suo principale valore. Tanti i progetti culturali e sociali, tra cui anche un festival dedicato all'importanza degli abbracci

Balarm
La redazione
  • 23 novembre 2022

Il castello di Salemi (foto di Giuseppe Gucciardi)

La Sicilia ha il suo primo "Borgo Gentile": è Salemi, cittadina in provincia di Trapani. Un luogo dove la gentilezza diventa un valore primario, attraverso progetti sociali e di tutela del territorio.

Il borgo siciliano è entrato a far parte del Movimento Italia Gentile, progetto nazionale dell’Organizzazione di Volontariato My Life Design, ente del terzo settore fondato dall’autore e esperto di scienze del benessere Daniel Lumera.

«Viviamo un periodo molto difficile sotto il profilo delle tensioni internazionali e da Salemi mandiamo un messaggio di pace» ha dichiararto il sindaco di Salemi Domenico Venuti.

Entrando a far parte di questa rete, il Comune di Salemi si assume l’impegno di riconoscere la gentilezza come valore sociale in grado di incrementare benessere e longevità, e realizzare iniziative gentili a beneficio della collettività in diversi ambiti.

Tra queste il primo progetto è il “Gentil Borgo”, dove la gentilezza passa anche dalla tutela dei beni culturali e ambientali, e dalla valorizzazione della loro bellezza storica, archeologica e paesaggistica; come il sito di Mokarta, risalente alla Tarda Età del Bronzo (XIII - X sec. a.C.) e ubicato sulla sommità della Collina di Mokarta, che diventerà sede del “Festival degli Abbracci”, al fine di condividere l’effetto terapeutico che un abbraccio offre al corpo e alla mente per il proprio benessere.

L’iniziativa vede il coinvolgimento delle scuole in incontri e conferenze volte a presentare ai ragazzi il patrimonio archeologico e ambientale di Salemi.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI