INIZIATIVE

HomeMagazineTerritorio

La storia del mare passa dalla cultura: Grandi Navi Veloci sostiene Palermo Capitale

Dalle suite, ai ristoranti, ai cinema, alle cabine pet friendly: la storia di Grandi Navi Veloci in pillole per conoscere lo sponsor principale di Palermo Capitale della Cultura

Balarm
La redazione
  • 12 giugno 2018

Viaggi che hanno quel non so chè di romantico e che sono arricchiti da una serie di servizi e comfort degni delle vacanze extralusso di un tempo: tra cinema, ristoranti, piano bar, terrazze sul mare e suite ci sono delle navi straordinarie per partire da - o venire a - Palermo.

Navi che portano in Sicilia un miliardo e quattrocentomila euro di indotto, che sono ecologicamente efficienti e che contribuiscono a far crescere il mercato agroalimentare dell'Isola: tra le navi anche quelle dedicate al trasporto merci, per esempio verso il nord Italia ma anche verso la Francia.

La flotta di Grandi Navi Veloci ha iniziato proprio da Palermo. Era il 1992 quando Aldo Grimaldi decide di rivoluzionare il cabotaggio italiano e creare una flotta che velocizzasse i collegamenti con le isole coniugando il trasporto merci o auto con il comfort di una nave da crociera.

Una scelta coraggiosa che però è stata lungimirante che inizia con l’apertura della “storica” linea Genova – Palermo della prima nave, il "Majestic".

Viene seguita dalla "Splendid", da "Fantastic", "Excellent" ,"Excelsior" e "Victory": hotel a cinque stelle galleggianti che raccontano un nuovo modo di viaggiare per mare toccando i porti principali del Paese tra cui Palermo, Genova, Civitavecchia ma anche Napoli o ancora Livorno.

La compagnia diventa internazionale alla fine degli anni Novanta perché la "Fantastic" riapre un'altra rotta storica, la Genova – Barcellona e nel 2002 entra in servizio l’allora cruise-ferry più grande e bello del mondo: "La Superba": 3mila passeggeri nel massimo comfort da crociera, a 30 nodi e con tutti i servizi degni delle migliori compagnie di vacanza.

Tra collegamenti con il Marocco, la Spagna e l'Albania, la Francia e la Tunisia la Grandi Navi Veloci è nel 2008 che viene sviluppato e offerto ai passeggeri il servizio di bordo dedicato ai padroni di animali domestici "Pets, Welcome on Board" facendo della compagnia la prima in Italia a pensare a cabine dedicate agli amanti degli animali.

GNV è oggi parte del Gruppo MSC, è una delle principali compagnie di navigazione del Mar Mediterraneo, con una flotta tra le più giovani al mondo e in continua crescita da oltre 20 anni in termini di linee e di business: con 14 navi operate, di cui ben 7 vantano il prestigioso riconoscimento Green Star di qualità ambientale che sopravanza le norme cogenti, GNV opera 12 collegamenti internazionali e 7 linee nazionali italiane, da e per Sardegna, Sicilia, Spagna, Francia, Albania, Tunisia, Marocco e Malta.

Siamo o non siamo Capitale italiana della Cultura 2018? Abbiamo detto che la Grandi Navi Veloci è lungimirante: infatti è il main sponsor (il principale sponsor) della lunga stagione di iniziative di Palermo Capitale.

Grazie al sostegno della compagnia è stato possibile organizzare eventi e mostre di richiamo internazionale e di rilievo culturale e sociale, come "Piazza Massimo", l’opera in piazza Giuseppe Verdi trasmessa in diretta su maxischermo dalla Sala Grande del Teatro Massimo, il 15, 16 e 17 giugno: per ogni serata i seicento posti a sedere verranno offerti al pubblico al costo di 1 euro.

Venerdì 15 giugno alle 18 verrà trasmessa in diretta su maxischermo Manifesta 12 Borderless Conference, evento di apertura del Public Programme di Manifesta 12, e a seguire la rappresentazione di Bintou Were, a Sahel Opera (abridged version).

Sabato 16 giugno alle 20.30 sarà proposta la diretta della prima de "L’elisir d’amore" dalla Sala Grande del Teatro: l’opera di Donizetti, nella colorata e animata regia di Victor García Sierra ispirata al ciclo El Circo di Botero, vedrà protagonisti Laura Giordano (Adina), Arturo Chacón Cruz (Nemorino), Giuseppe Altomare (Belcore) e Giovanni Romeo (Dottor Dulcamara). A dirigere l’Orchestra e il Coro del Teatro Massimo sarà Alessandro d’Agostini.

Domenica 17 giugno alle 19 in piazza Verdi Stefania Petyx racconterà, con il suo inimitabile tono diretto, le vicende di Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni; come lei stessa dichiara: "La mia passione per l'opera è talmente grande che voglio contagiarla ai palermitani".

A seguire alle 19.40 in diretta dalla Sala Grande verrà trasmessa su maxischermo "Cavalleria rusticana" con la regia di Marina Bianchi, le scene e i costumi di Francesco Zito e la direzione di Fabrizio Maria Carminati, in scena Sonia Ganassi (Santuzza), Murat Karahan (Turiddu), Gevorg Hakobyan (Alfio), Martina Belli (Lola) e Agostina Smimmero (Mamma Lucia). Orchestra e Coro del Teatro Massimo.

Per ogni serata i seicento posti a sedere in Piazza Verdi verranno offerti al costo di un euro. Le tre opere (Bintou Were, a Sahel Opera, L’elisir d’amore eCavalleria rusticana) saranno inoltre trasmesse in diretta streaming sul sito del Teatro Massimo.

Sempre il 17 giugno la storia dell’Elisir d’amore verrà proposta nelle piazze di Palermo dall’Opera Lapa del Teatro Ditirammu, che ne proporrà una versione “cuntata” con la regia di Elisa Parrinello e nell’adattamento di Daniele Billitteri. A partire alle 17.00 e alle 18.00 in piazza Verdi.

In un momento storico delicato come questo l'importanza del mare, le infrastrutture materiali e l'accoglienza si legano con una visione etica della cultura.

articoli recenti