MUSICA

HomeMagazineCulturaMusica

Betty Ford Center, furore indie da Frosinone

Balarm
La redazione
  • 5 marzo 2006

Palermo continua a tingersi di "indie" con il concerto dei Betty Ford Center, in programma mercoledì 8 marzo alle 22.30 presso I Candelai (via dei Candelai, 65), riconfermando così, concerto dopo concerto, il suo ruolo – sempre meno periferico – all’interno del circuito del rock indipendente "made in Italy". La band proveniente da Frosinone (Lucia Conti voce e chitarra, Max Amoroso basso, Tiziano Mollica batteria) nonostante la recente costituzione (luglio 2005), ha già calcato palchi prestigiosi e preso parte a importanti manifestazioni. Solo due mesi dopo il battesimo, infatti, i tre vincono le finali del "Suburban Live Set", ai Mercati Generali di Catania, con l’onore di essere premiati, dopo averne anche condiviso il palco, dagli Yuppie Flu, band tra le migliori nel panorama "post" nostrano (spalla ai R.E.M. nel tour europeo). Per i BFC questa vittoria significa l’accesso alle finali del famoso "Sonica Fest", e intanto una nutrita rassegna stampa li lusinga accostandoli a nomi come P.J. Harvey, June of 44, Distillers.

Adv
Comincia così l’attività live, dall’esordio al Traffic di Roma fino al gennaio 2006, mese in cui i nostri registrano (in soli tre giorni!) il loro primo cd demo dal titolo "Enjoy the Rehab": quattro ruvide tracce incise al Red House Studio di David Lenci (fonico che vanta una lunga esperienza al fianco di nomi importanti dell’universo indipendente come Shellac, Blonde Redhead, One Dimensional Man). Seguono trasmissioni radio che li vedono come ospiti per la promozione del disco e così, dopo aver stregato Catania, il sound garage dei BFC è pronto per essere presentato sui palchi di Calabria e Sicilia. La formazione rigorosamente essenziale, i testi (in inglese) ossessivi, il carisma di Lucia Conti: sono questi gli ingredienti principali, assieme alle sonorità graffianti e "malaticce", del noise dei Betty Ford Center, band che, fuggendo qualunque esito derivativo è riuscita a forgiarsi un’identità sonora precisa e molto personale.
ca.ni.

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI