LETTERE

HomeMagazineSocietàAttualità

Consiglio di quartiere della Vucciria: "chiediamo aiuto"

Riceviamo e pubblichiamo ancora una volta la richiesta di attenzione da parte del Consiglio di quartiere della Vucciria, che chiede immediato intervento

Balarm
La redazione
  • 2 gennaio 2013

La Vucciria a Palermo

Agli organi competenti:
Questura di Palermo
Guardia di Finanza Palermo
Sindaco di Palermo
Assessore Agata Bazzi

Siamo degli onesti cittadini che vivono, con la propria famiglia, nel quartiere Vucciria di Palermo, pieno centro storico e cuore della nostra meravigliosa città che mostra le sue ferite in modo sempre più sfacciato. Purtroppo il posto in cui viviamo non ci permette di alzare la testa per far valere i nostri diritti contro chi, nei fatti, sembra essersi impossessato di questa parte della città con l'arroganza e la presunzione.

Nell’ultimo anno, abbiamo assistito increduli all'apertura di nuovi locali in piazza Garraffello per l'intrattenimento serale-notturno, e negli ultimi mesi questi sono aumentati nel numero in modo esponenziale, tanto che chiunque abbia, a vario titolo, un magazzino apre un pub senza avere le prescritte licenze e/o permessi, in assoluta violazione delle prescritte norme igeniche... La cosa più grave è che, nel fine settimana, e in particolar modo il sabato notte dalla ore 1 circa alle 5.30 del mattino, assistiamo impotenti al fatto che queste persone si impossessano di piazza Garraffello, impedendo il transito di automezzi, posteggiando le auto all’inizio delle strade per chiuderle arbitrariamente al traffico, rendendo meno agevole il controllo e creando una zona franca alla legge per poter spacciare ecstasi, marijuana,cocaina e altro in assoluta libertà.



Si consumano atti sessuali nelle pubbliche vie e questo costringe noi residenti a non poterci affacciare e a fare attenzione che non lo facciano i nostri figli. La cosa peggiore in assoluto, per cui CHIEDIAMO IMMEDIATO INTERVENTO è che per tutta la notte del sabato sera, la musica è ad altissimo volume, al punto che le nostre case rimbombano e nessuno di noi può dormire. Siamo esausti perche' gli orari in cui si svolgono queste attività ci impediscono di riposare e DIVENTIAMO OSTAGGI NELLE NOSTRE STESSE CASE. Siamo vittime dell'illegalità e chiediamo aiuto. Vi preghiamo di voler disporre dei controlli amministrativi per quanto riguarda i locali e le somministrazioni di bevande e alimenti, di voler accertare quanto da noi descritto, di reprimere lo spaccio di droghe e di porre in essere quanto è nella Vs. facoltà, di concerto con altre istituzioni competenti.

Soprattutto vi chiediamo di CHIUDERE QUESTI LOCALI ABUSIVI, IMPEDENDO LORO LA DISCOTECA A CIELO APERTO!!! Inutili le commemorazioni con corone e squilli di trombe per il ventennale delle stragi di Falcone e Borsellino, se non possiamo, ancora oggi,assistere a dei concreti segnali che le istituzioni con la forza della legge possono dare ai cittadini onesti. Uno di noi ha inviato questa stessa lettera a Balarm circa 3 mesi fa e l’unica risposta che ha ottenuto è stata quella dell’Assessore Agata Bazzi su Balarm il 15 settembre: …c’è una popolazione dignitosa che organizza una domanda collettiva articolata. C’è insomma un dialogo aperto tra l’amministrazione e i cittadini che si appoggia su obiettivi e valori comuni. Nelle zone della disperazione (come la Vucciria) invece, interventi meramente repressivi o coercitivi rischiano di essere controproducenti.

In pratica, secondo la risposta dell’Assessore, dopo aver fatto enormi sacrifici per acquistare le nostre case, lavorando onestamente, siamo destinati a dover aspettare chissà quanto e a non poter aver una vita urbana serena e a trascorrere notti insonni perché, fuori a pochi metri, c’è chi disonestamente guadagna illegalmente e soprattutto se ne infischia del rispetto altrui e delle buone regole cittadine.
Il Consiglio di Quartiere
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI