IL CONCERTO/1

HomeMagazineCulturaMusica

Fossati: trent’anni percorsi in un “Lampo viaggiatore”

Ivano Fossati, martedì 20 gennaio, tornerà a Palermo al Teatro Politeama Garibaldi impegnato in un concerto che ripercorrerà trent’anni di brillante carriera

  • 18 gennaio 2004

Chi in una stellata sera d’estate non ha mai cantato a squarciagola “La mia banda suona il rock”? Chi non si è mai soffermato a riflettere sulle parole de “Le Notti di Maggio” cantate da Fiorella Mannoia o “Pensiero stupendo” di Patty Pravo, non si è lasciato trasportare dalle intime rime di “Oh che sarà” di Chico Buarque de Hollanda? Chi non ha mai sentito “Canzone popolare” o il refrain di “Panama”?

Si tratta di suggestive pagine di musica e testi, rese spesso celebri da Mina, Vanoni, Morandi, Berté, Oxa, sono espressione di uno dei più sensibili ed attenti protagonisti della scena musicale italiana, Ivano Fossati, che martedì 20 gennaio tornerà a Palermo al Teatro Politeama Garibaldi (piazza Ruggero Settimo, ore 21) impegnato in un concerto che ripercorrerà trent’anni di brillante carriera.

Dopo l’uscita dello splendido “La disciplina della terra” del 2000 ed il successivo  “Not one word” interamente strumentale, senza neppure una sola parola, per questo tour Fossati si soffermerà su  “Lampo viaggiatore”, ultima fatica discografica certamente rappresentativa dell’attuale momento artistico del cantautore, non dimenticando tuttavia di far ascoltare dal vivo anche le sue perle musicali di sempre, con le quali ha contribuito con raffinata intelligenza alla crescita della musica italiana, e che lo hanno portato ad essere cantautore senza tempo e senza colore nonostante i suoi testi spesso impegnati e riflessivi, per un programma in due tempi con oltre 15 brani e circa due ore di musica d’autore.



E per recuperare il momento strettamente ispirativo-compositivo delle canzoni, il cantautore ligure si è affidato ad un concerto esclusivamente acustico, coadiuvato sul palco da Pietro Cantarelli alle tastiere tutte (pianoforte, Hammond, Wurlitzer e fisarmonica), Riccardo Galardini alle chitarre, Mirko Guerrini ai fiati, Daniele Mencarelli ai bassi, Claudio Fossati alle percussioni e Saverio Tasca (vibrafono, marimba e percussioni).

Inoltre, per far fronte al momento di crisi più “commerciale” che creativa della musica italiana, Fossati ha scelto di proporre la propria performance ad un prezzo contenuto che possa portare in teatro le famiglie e soprattutto i giovani. I biglietti da 23 euro (loggione) 28,75 euro (palco) e 34,50 euro (platea) in prevendita al Box Office di Ricordi Mediastore (via Cavour 133, Palermo telefono 091.335566).

ARTICOLI RECENTI