MUSICA

HomeMagazineCulturaMusica

L'anima rock femminile di Gianna Nannini

  • 5 marzo 2006

Ne è passato del tempo da quando la rocker senese faceva scandalo con il singolo "America". Erano gli anni ottanta, ed il suo sfrontato cantare l’autoerotismo urtava molti ma infiammava tanti, aprendole la strada per la vetta della classifica. Da lì in poi altri successi: "Fotoromanza", "I maschi", così come il resto del percorso sonoro attraverso il quale Gianna Nannini è rimasta nel tempo, e la sua voce continua a fendere l’aria. In tour dal 19 febbraio, l’artista raggiungerà presto anche la nostra isola: a seguito della tappa catanese al Metropolitan, salirà infatti sul palco del teatro "Al Massimo" di Palermo (piazza Verdi 9) sabato 11 marzo.

Dopo la svolta acustica di "Perle", apprezzata rivisitazione dei suoi pezzi più noti, in cui prevalgono voce e piano, grazie anche agli arrangiamenti curati dal musicista tedesco Christian Lohr (piano e toys), la nostra torna in scena dopo due anni con il nuovo album "Grazie". Anticipato dal singolo "Sei nell’anima" e uscito il 27 gennaio scorso, il suo ultimo lavoro musicale è già "disco di platino", rinnovando le sonorità rock melodiche alle quali l’artista ci ha abituati e delle quali i fedelissimi fans sembrano non stancarsi mai. L’album firma anche il suo nuovo sposalizio da produttrice con Wil Malone – in passato collaboratore di Madonna, Skunk Anansie e Iron Maiden – e rinnova l’affinità "letteraria" con la scrittrice Isabella Santacroce (da poco in libreria con l’ultimo inquieto romanzo "Zoo"), già coautrice di alcuni testi dell’album "Aria" (2002) e adesso anche in cinque brani di "Grazie".

Adv
«Non voglio più combattere, il cuore è un’arma da fottere»: dure e taglienti, le dieci tracce dell’opera sono un esercito di sensazioni in rivolta, l’evocazione di una guerra civile interiore in cui coesistono tenerezza e inquietudine, sesso ed eternità, voglia di esserci e di andar via, la dolorosa perdita del padre e l’autobiografica "Io". Il brano è infatti omonimo del recente libro in cui la cantante, in veste di scrittrice, si racconta come mai prima, nella scelta di un’apertura che non fa gossip – anche se nelle ultime interviste i media sembrano solo voler parlare dei suoi aborti – né autocelebrazione, ma che forse è più la voglia di conoscersi ancora concedendosi agli altri. Torna il rock d’emozione al femminile, dunque, che, se parliamo di Italia, rimanda inevitabilmente al vigore nostrano della Consoli, sbirciando la promettente Elisa, mentre se pensiamo "estero" – solo per fare un paio di nomi – ricorda l’evergreen Patti Smith e si perde nelle melodie dure e altalenanti di Alanis Morissette. Dopo l’esperienza della scorsa estate di un concerto al teatro Antico di Segesta troppo breve perché piovoso, speriamo soltanto che il pubblico siciliano possa finalmente godere a pieno le preannunciate due ore di pura energia musicale. I biglietti, comprensivi di diritti di prevendita, prevedono due settori, rispettivamente di 49 euro per il primo e 39 euro per il secondo. Per maggiori info è possibile chiamare il numero 095/7170504 o visitare il sito www.musicaesuoni.it.

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE