HomeMagazineCultura

Old Time Relijun: blues, jazz’n‘roll ai Candelai

La foga e l’attitudine garage-punk e psychobilly, la sperimentazione e gli assoli free jazz: una grande devozione ai mostri sacri del blues

di Simone Cappello
  • 29 ottobre 2003

Gli Old Time Relijun sono, attualmente, una delle realtà più interessanti e apprezzate della scena rock indipendente. Il gruppo di Olympia (USA), dallo stile peculiarissimo ed inconfondibile, perennemente in bilico tra sperimentazioni lo-fi e free jazz e tradizione blues, psichedelica e rock’n’roll statunitense, sarà di scena giovedì 30 ottobre alle 22 ai Candelai, in via Candelai 65, per un concerto che porta la firma dell’associazione Musiche (il biglietto costa 6 euro).  Il trio (formato da Arrington De Dionyso alla voce, chitarra e sassofono, Aaron Hartmann al contrabbasso e Rivers Elliot, entrato di recente in organico al posto del dimissionario Phil Elvrum, alla batteria) presenterà al pubblico palermitano i brani del loro ultimo lavoro Varieties of Religious Experience, dato alle stampe nel 2003 e quinto album della loro storia, iniziata nel 1997 con il fulminante esordio Songbook Vol.1 e proseguita con Uterus and Fire del 1999, La sirena del Pecera del 2000 e Witchcraft Rebellion del 2001.

La foga e l’attitudine garage-punk e psychobilly alla Cramps e John Spencer Blues Explosion, la sperimentazione e gli assoli free jazz, una grande devozione ai mostri sacri del blues e, soprattutto, al country rock destrutturalizzante di “Captain Beefhart and his Magic Band”; questi sono, in estrema sintesi, I tratti distintivi degli Old Time Relijun, un gruppo, dal talento cristallino, che in un’attività quasi decennale ha rivisitato e rielaborato alcune delle pagine più gloriose del rock’n’roll statunitense, e che non mancherà di stupire un’altra volta (la prima risale al giugno 2001) il pubblico palermitano, con le sue funamboliche doti dal vivo. La rassegna continuerà nei prossimi giorni con i concerti di El Guapo (martedì 4 novembre) e Hugo Race & The True Spirit (giovedì 20). L’ingresso al concerto costa 6 euro e il biglietto si può acquistare in prevendita da Master dischi (via XX Settembre 38) e al Box Office di Ricordi (via Cavour 133), oppure ai Candelai la sera stessa del concerto.

articoli recenti