CULTURA

HomeMagazineCultura

Torna il "Giro aereo Internazionale di Sicilia"

La Sicilia ricorda il centesimo anno dal primo sorvolo su Palermo con un weekend interamente dedicato ad esibizioni, acrobazie e mostre d'epoca

Irene Leonardi
Giornalista
  • 1 settembre 2010

Il consueto appuntamento con il Giro aereo Internazionale di Sicilia, alla 61ª edizione, quest’anno ricorda il centenario del primo sorvolo su Palermo e lo fa in tre giornate di celebrazioni, dimostrazioni aeree e mostre a tema, da venerdì 3 a domenica 5 settembre presso l’aereoporto di Boccadifalco. La manifestazione, organizzata dall’Aeroclub Beppe Albanese con il patrocinio della Regione siciliana, della Provincia regionale e del Comune di Palermo e in collaborazione con l’associazione Arcaverde Onlus si apre venerdì 3 settembre con un sorvolo sul campo di aviogetti F16 appartenenti al 37°stormo dell’Aeronautica militare italiana, e si arricchisce di eventi nelle due giornate successive. Così sabato 4 settembre alle 9 si assisterà alla partenza dei velivoli per il 61° rally aereo sulla Sicilia, con arrivo previsto per le 11.30, mentre il pomeriggio, dalle ore 16, trascorrerà tra le dimostrazioni e le acrobazie:voli panoramici e battesimi dell’aria per giovani palermitani. Alle 17.30 si rinnova l’appuntamento con le prove tecniche aeree di manifestazione.

Quella di domenica 5 settembre sarà una giornata che darà spazio alle esibizioni ma anche alle mostre di modelli d’epoca e di manifesti delle passate edizioni. Alle 9 si riparte con i velivoli per la 61a gara di velocità aerea sulla Sicilia e alle 9.30 è prevista quella di velocità 4 giri sul circuito Palermo-Porticello-Mondello-Boccadifalco. I "Battesimi dell’aria" si terranno alle 12, mentre alle 15 sarà celebrato il volo commemorativo del centenario del primo sorvolo di Palermo. Così le esibizioni iniziano alle 15.30 con quella dei modelli radiocomandati di aerei ed elicotteri: prima presentazione di un aeromodello a reazione MB 339 PAN guidato dal pilota Luigi Costa.



In successione potremo assistere alla dimostrazione di elicotteri dell’ Arma Carabinieri, della Guardia di Finanza e ella Polizia di Stato, alle 16.30 e alla simulazione di spegnimento incendio eseguita dagli elicotteri del Corpo forestale regionale, alle 17.15. Così dall’esibizione della pattuglia Blue Voltige con i piloti Iannacone e Prizzon alle 17.30 si lascia spazio alle 18 alla finta caccia aerea Falco FL8-RV6 dei comandanti Valmori e Placenti. Ultime battute alle 18.30 in occasione dell’esibizione dei velivoli dell’Aeroclub di Palermo, dei battesimi dell’aria e del volo di chiusura della manifestazione su Falco FL8 pilotato da Valmori e Di Fede alle 19.30. Cento anni fa, dunque, si svolgeva la storica settimana aviatoria a Mondello e Valdesi in cui Clemente Ravetto fu il protagonista del primo volo in terra di Sicilia, e ancora oggi si rinnova la manifestazione simbolo dell’aviazione sportiva.


ARTICOLI RECENTI