CULTURA

HomeMagazineCultura

Non è solo un digiuno: il Ramadan di Palermo tra fede e purificazione collettiva

Anche a Palermo è iniziato il Ramadan: uno dei periodi più importanti dell'anno che prevede il digiuno durante la giornata e momenti di preghiera collettiva

Mohamed Maalel
Booklover compulsivo
  • 8 maggio 2019

Un momento di preghiera durante il Ramadan

Purificazione, digiuno e comprensione verso il prossimo: questi i principi alla base del Ramadan, festa sacra per i musulmani, che a Palermo è iniziato ufficialmente domenica 5 maggio.

La città vedrà, come ogni anno, la partecipazione di migliaia di credenti (circa 27mila), considerando i cittadini pachistani, tunisini, marocchini e di altre nazionalità che si incontreranno tra momenti di digiuno e di riflessione comune. Per fare un po’ di educazione culturale, il Ramadan segna il mese in cui al profeta Muḥammad è stato rivelato il Corano, elemento sacro della religione islamica.

Come spiega Adham M. Darawsha, assessore alle Culture di Palermo: «Il Ramadan, che dura esattamente un mese lunare, è importante nella vita di un fedele poiché appartiene ai cinque cardini dell’Islam, ma non solo: purifica l’anima ed avvicina a coloro che non possono permettersi di mangiare. In un certo senso – empatizza – senti davvero la fame e la sofferenza altrui, ed è questo che ti avvicina all’altro».

Questo periodo infatti prevede il digiuno prolungato dall’alba sino al tramonto: i fedeli non potranno bere e consumare cibo, fumare e avere rapporti sessuali. Da un punto di vista prettamente etico saranno vietati comportanti immorali e violenti, bestemmie e menzogne.

Un modo simbolico di digiunare dal materialismo e dai peccati della lingua. Ma il Ramadan non è un digiuno del tutto completo: i credenti infatti consumano un pasto prima dell’alba, il suhoor, e dopo il tramonto, il cosiddetto iftar, sempre in compagnia della propria famiglia o della comunità. Durante l’Iftar si consuma un pasto ben diverso dalla classica cena all’italiana: bisogna recuperare le forze, quindi spazio ai datteri, al couscous, ai brik fritti, ma senza eccedere poiché si andrebbe contro i principi stessi del Ramadan.

«L’Iftar è un momento importante nella giornata di un musulmano, da passare sempre in gruppo in moschea o nei luoghi di incontro, permettendo così di riscoprire i valori di adunanza e comunanza».

A Palermo sono infatti molti i luoghi di raduno dei fedeli: tra questi la grande Moschea di Palermo della comunità tunisina nel centro storico di Palermo, la Moschea Al Falah e la Moschea Al – Hedaea nei pressi di zona Noce.

Ciò che caratterizza il Ramadan è il suo essere inclusivo, soprattutto in una città dai grandi valori culturali come Palermo: «a Palermo si sono fatti salti enormi ed oggi sono le stesse autorità a promuovere questa festività, tra cui il sindaco Leoluca Orlando ma anche la comunità ebraica o indù che hanno spesso visitato la Moschea di Palermo» dichiara l’assessore.

Un momento di condivisione, di pace e armonia interiore, ma anche di altruismo: il Ramadan non è una competizione in cui vince chi resiste più a lungo senza mangiare, ma un percorso annuale di crescita autonoma e comprensione spirituale.

articoli recenti