ATTUALITÀ

HomeMagazineSocietàAttualità

Non solo gli studenti: per Natale la Regione porta in Sicilia anche i lavoratori in trasferta

Le partenze dei bus sono previste dal 21 al 24 dicembre da Milano, Roma e Napoli, con destinazione Palermo, Catania e Messina: il biglietto ha un costo puramente simbolico

Balarm
La redazione
  • 20 dicembre 2019

Donna con la valigia di cartone

Anche i lavoratori siciliani fuori sede e non solo gli studenti (ne abbiamo parlato qui) potranno far ritorno a casa nel periodo natalizio utilizzando i bus a tariffa agevolata messi a disposizione dall'Ast, la società della Regione Siciliana. Lo ha deciso il governo Musumeci per venire incontro alle numerose richieste.

Le partenze sono previste dal 21 al 24 dicembre da Milano, Roma e Napoli, con destinazione Palermo, Catania e Messina, con un costo del biglietto rispettivamente di 30, 20 e 10 euro. Le corse di ritorno sono, invece, programmate dal 5 al 7 gennaio, agli stessi costi, fino a esaurimento dei posti disponibili.

Gli orari di partenza sono al momento fissati per le ore 09.30. La prenotazione e il pagamento dovranno avvenire tramite il sito internet dell’Ast (a questo link). Otto i pullman gran turismo dell’Azienda siciliana trasporti - più altri cinque in caso di necessità, insieme a un’officina mobile – con quaranta autisti che sia alterneranno alla guida faranno la spola tra il Nord e la Sicilia.

«A causa delle proibitive tariffe delle compagnie di volo - sottolinea il presidente della Regione Nello Musumeci - moltissimi siciliani rischiavano di non poter trascorrere il periodo festivo con i propri cari».

«Abbiamo deciso di varare un’iniziativa unica nel suo genere, - conclude Musumeci - prima limitata ai soli studenti universitari, ma adesso estesa a tutti i lavoratori fuori sede. Una soluzione di emergenza che, comunque, non ci farà arretrare neanche di un millimetro dall’obiettivo finale che è quello di poter riuscire a garantire ai siciliani tariffe aeree ragionevoli».
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE