STORIE

HomeMagazineSportStorie

Punti di vista (dall'estero) su Palermo: cosa pensa un inglese che corre al Parco Uditore

Peter Hayes, direttore di International House Manchester è stato a Palermo per partecipare a un evento di Parkrun. In un video ci racconta cosa lo ha colpito della città

Balarm
La redazione
  • 27 maggio 2022

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori
Cosa potrà mai pensare un inglese mentre corre in un parco di Palermo, incontrando la gente di qui, con le nostre esternazioni, il tono di voce dal volume oltre il consentito e il nostro modo di accogliere chi viene da lontano. Nella maggior parte dei casi ne resterà affascinato.

È successo a Peter Hayes, direttore di International House Manchester nel Regno Unito, che ha visitato Palermo per prendere parte a un evento organizzato da Parkrun al Parco Uditore. Per un inglese è un’esperienza unica confrontarsi con la cultura siciliana e con la città di Palermo in particolare.

Correre, camminare o anche solo passeggiare all’aria aperta insieme ad altre persone è un modo per sentirsi comunità. Ma anche per conoscere altre culture e luoghi diversi da quelli che si è abituati a frequentare. Annulla le distanze, permette a chi partecipa di incontrarsi e di condividere un momento di gioia e leggerezza.

Hayes ha approfittato del suo soggiorno qui anche per incontrare Aurora India e Marco Faldetta, i suoi colleghi di International House Language Centre di Palermo, una città ricca di cultura e i suoi rapporti con persone come Peter e con la città di Manchester lo testimoniano.



Hanno riso insieme delle incongruenze della città, a cui Hayes è particolarmente legato. Attraverso la natura, lo sport e lo studio delle lingue hanno Palermo si riprende i propri spazi, diventa sempre di più una città cosmopolita.

E interventi di recupero del verde, come hanno fatto alcuni volenterosi cittadini al Parco Uditore diventa un bel biglietto da visita per la nostra città, e colpisce ed emoziona anche chi, venendo da un altro Paese visita Palermo come Hayes.

Appassionato di calcio, il direttore dell’International House nel Regno Unito ha anche creato corsi di lingua per giovani giocatori. I futuri campioni visitano Manchester da tutto il mondo per crescere nello sport. E anche sotto questo aspetto a Palermo si deve essere sentito a casa.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

I VIDEO PIÙ VISTI DEL MESE