MUSICA

HomeMagazineCulturaMusica

Vi insegno l'assolo di "Bohemian Rhapsody": il regalo di Brian May ai fan in quarantena

Uno dei micro-concerti che il celebre chitarrista dei Queen propone ogni giorno sul suo canale Instagram, si è trasformato in una lezione di chitarra per tutti i suoi fan

Nicoletta Fersini
Giornalista e fotografa
  • 25 marzo 2020

Il chitarrista Brian May spiega l'assolo di "Bohemian Rhapsody" in diretta streaming su Instagram

Metti che una delle rockstar più celebri di tutti i tempi decida di regalare ai suoi fan dei micro-concerti in streaming per allietare le dure (e spesso noiose) giornate di quarantena. E metti che questo si trasformi in una vera e propria lezione di chitarra online.

Non ci potevamo aspettare niente di meglio da uno come Brian May, l'incredibile chitarrista e fondatore dei Queen insieme al compianto Freddie Mercury e al batterista Roger Taylor e uomo dalle mille risorse (ricordiamo che è anche un fervente attivista animalista e un edotto astrofisico).

Come molti suoi colleghi musicisti anche lui ha deciso di tener compagnia ai suoi tanti fan con delle sessioni di musica in diretta dal suo salotto proponendo una volta al giorno sul suo canale Instagram i più bei brani dei Queen e i suoi pezzi da solista.

Chiaramente Brian May non ha esitato ad accontentare i follower che a furor di popolo hanno richiesto l'assolo di "Bohemian Rhapsody", l'indiscusso capolavoro scritto dal frontman della band inglese, e quella che era iniziata come la terza diretta social (aveva già fatto le prime due) si è trasformata in una vera e propria lezione online in cui il chitarrista insegna passo dopo passo come eseguire l'assolo.

Il compositore Johann Sebastian Bach una volta scrisse che «la musica aiuta a non sentire dentro il silenzio che c’è fuori». Forse in questo momento non potremmo trovare parole più calzanti.

E allora grazie a Brian May e a chi come lui ha fatto della musica una ragione di vita e sta condividendo con tutti noi attimi di gioia e bellezza, l'antidoto migliore contro la noia e lo smarrimento dell'isolamento forzato.

ARTICOLI RECENTI