CULTURA

HomeMagazineCultura

Cinema e teatri pronti a ripartire: a Palermo puoi acquistare un "biglietto per domani"

L'iniziativa di un operatore culturale palermitano per continuare a fare cultura: come funziona il "biglietto sospeso", il ticket che si compra oggi e si utilizzi domani

  • 12 maggio 2020

Anche nel mondo dello spettacolo, del cinema e del teatro si scaldano i motori in vista della riapertura che segnerà la fine (e un nuovo inizio) dell'emergenza Coronavirus.

Così, tra distanziamento sociale, utilizzo di mascherine e nuove regole, a Palermo c'è chi sta già pensando al proprio pubblico e vuole farsi trovare pronto nel momento in cui la ripartenza sarà davvero operativa.

​È il caso di Orazio Bottiglieri, direttore artistico di tre importanti strutture storiche di Palermo che grazie al suo intervento sono state riconsegnate alla città sotto una nuova veste. Parliamo del Cineteatro Colosseum di Bonagia (ex cinema Lubisth), del Cineteatro Lux e del Re Mida Casa Cultura (ex Zsa Zsa).

Le tre strutture - unico esempio italiano di spazi culturali dedicati sia agli spettacoli teatrali che a quello del grande cinema - hanno vissuto come tutti un drammatico periodo a causa della chiusura forzata e per questo motivo il suo direttore artistico chiede ai suoi affezionati di rimanere vicino.



Nasce così l'iniziativa ribattezzata "Un biglietto per domani". Non si tratta di un atto di solidarietà, quanto piuttosto di un atto di fiducia che Bottiglieri chiede al suo pubblico per tornare al più presto a godere degli spettacoli all'interno delle sue strutture.

Il funzionamento del biglietto sospeso è molto semplice. Basta visitare la pagina dedicata all'iniziativa, acquistare un biglietto al prezzo speciale di 9 euro e aspettare il momento in cui tutto tornerà alla normalità per poter tornare finalmente a godere di uno spettacolo dal vivo o di un film che non sia sul divano di casa.

Il ticket si compra oggi e si utilizza domani. Non c'è alcuna scadenza e si potrà utilizzare per qualsiasi spettacolo, scegliendo indifferentemente tra i cineteatri Lux e Colosseum o al Re Mida di via Filippo Angelitti (piazza Campolo).

«Quello che chiediamo è un atto di fiducia da parte del nostro pubblico che verrà immediatamente ripagato dal nostro impegno e dalla nostra voglia di tornare presto a calcare il palcoscenico - spiega Bottiglieri -. Abbiamo bisogno di tutti per continuare a fare cultura in questa bellissima città.

Saremo noi stessi a comunicare a chi acquisterà il biglietto quando esso potrà essere utilizzato e quali spettacoli saranno nuovamente in programmazione. L'iniziativa è anche un valido aiuto per la pianificazione delle attività culturali in vista della stagione estiva a cui stiamo già lavorando.

«Nell'attesa di ricevere le linee guida da parte del governo per aiutarci a rispettare tutte le regole di distanziamento sociale e di sicurezza per noi e il nostro pubblico - aggiunge il direttore -. Stiamo già progettando dei percorsi all'interno delle strutture con una segnaletica a terra, utile a guidare il pubblico durante l'ingresso a teatro e per rispettare la distanza di sicurrezza.

Chiediamo solo che non ci sia un distanziamento "familiare", non vogliamo dividere un nucleo familiare o una coppia di fidanzati che vuole trascorrere una serata piacevole con noi».

ARTICOLI RECENTI