CURIOSITÀ

HomeMagazineTurismoCuriosità

In vendita una parte di Isola Grande: lo Stagnone entra a fare parte del "lusso immobiliare"

Conosciuta anche come Isola Grande, l’Isola Lunga è la più estesa delle quattro che compongono la Riserva Naturale dello Stagnone di Marsala

Jana Cardinale
Giornalista
  • 12 gennaio 2022

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori
Conosciuta anche come Isola Grande, l’Isola Lunga è la più estesa delle quattro che compongono la Riserva Naturale dello Stagnone di Marsala, con una superficie di 120 ettari e una lunghezza di 10 km. È conosciuta per la presenza di famose saline rigeneranti, e per i percorsi "benessere" che rientrano tra le esperienze più affascinanti che vi si possano vivere.

La Riserva Naturale tutta è ricca di paesaggi mozzafiato che la rendono unica al mondo per il suo habitat, per la biodiversità, per la naturale vocazione al benessere psico/fisico e per le sue fauna e flora. L’isola è attraversata da una strada sterrata che percorre tutto un bosco di pini marittimi dai profumi inebrianti.

Dal lato "di ponente" vi si trovano le saline, mentre dalla parte opposta si trova una lunga spiaggia di sabbia finissima bianca, chiamata per la bellezza e trasparenza del suo mare, ‘Tahiti’.

Storicamente privata, è ora in vendita nel portfolio di Italy Sotheby’s International Realty, protagonista nel settore immobiliare in Italia e nel mondo, marchio di lusso fondato nel 1976 dai mercanti d'arte di Sotheby's, che opera come franchising incentrato sull'intermediazione e la commercializzazione di immobili residenziali. La porzione in vendita, per la precisione, è 88 ettari, all'interno dei quali si trovano degli immobili diruti che possono essere ripristinati, compresivi di un rustico di 20 camere e 20 bagni.



Un complesso importante, nella zona lagunare più vasta della Sicilia. Raggiungibile dalla spiaggia di San Teodoro con un camminata in acque poco profonde, l’Isola Grande è un vero e proprio paradiso terrestre. Le sue particolari saline verso fine estate tingono una parte dell’Isola di rosa, e la sua superficie è caratterizzata da un grande bosco di pini marittimi che inebria per il suo profumo inconfondibile, che va a distendersi su una lunga spiaggia di sabbia finissima che incanta ogni visitatore che vi posi gli occhi.

La Riserva Naturale Orientata ‘Isole dello Stagnone’, di cui fa parte, è una delle prime ad essere stata istituita in Sicilia nel 1984, che comprende oltre altri tre isolotti dell’arcipelago: Mozia o San Pantaleo, Santa Maria e Schola. L’arcipelago fu un territorio di particolare importanza durante l’epoca fenicia: fu infatti questa popolazione a rendere Mozia un centro commerciale sicuro per gli scambi tra Oriente ed Occidente.

Con la dominazione spagnola, poi, lo Stagnone tornò alla gloria per la costruzione delle saline e degli imponenti mulini a vento utilizzati per il pompaggio dell'acqua e la macinazione del sale. L’Isola Grande è in generale conosciuta per la sua incredibile biodiversità che la rende un luogo attrattivo per molte specie animali e vegetali rarissime e oggi è un paradiso per gli amanti del trekking, del birdwatching (è possibile avvistare anche i fenicotteri rosa) e in generale per chi desidera fare un percorso immersivo nella natura (per gli amanti del benessere sono previste occasionalmente alcune esperienze come i bagni nelle vasche).

I paesaggi mozzafiato di questa Riserva Naturale, il suo habitat e la sua naturale vocazione al "benessere" psico/fisico, sono alcuni degli ingredienti che rendono l'isola Lunga una sosta obbligata per chi intende immergersi nella natura, contemplare la bellezza dei paesaggi e rigenerare mente e corpo. Fino agli anni ‘60 l’isola era abitata e coltivata. La proprietà l’ha resa nuovamente fruibile ai visitatori, con la possibilità di godere anche delle saline e di percorsi “benessere” unici ed originali (che prevedono l’immersione nelle vasche e il contatto diretto con il fior di sale).

“In vendita ci sono 88 ettari, alcuni adatti per la coltivazione – dice Franca Tasca, l’agente incaricata delle vendita per conto di Italy Sotheby’s International Realty – e in realtà vi si potrebbero impiantare delle vigne, come fatto a Mozia. un posto d’accoglienza eccezionale, immerso in una macchia mediterranea stupenda, e i tre corpi di case sono situati in tre posizioni molto belle, da ristrutturare. L’importo richiesto è di 10 milioni di euro. Un luogo naturalistico incantevole che si trova nel Mediterraneo, il più bel mare del mondo. Speriamo che vi si realizzi una destinazione d’eccellenza”.

In due mesi circa da cui è in vendita, moltissime sono le richieste di chi è interessato. “Anche privati che ci vedono il sogno – aggiunge Franca Tasca – andarci a vivere e godere di questa pace e questo paesaggio fuori dai contesti di routine ormai logoranti, o costruirci una beauty farm, ma anche il mondo alberghiero si è fatto avanti. Speriamo di realizzare una buona vendita. Bisogna aprire le strade alla Sicilia”. Sotheby’s International Realty ha aperto in Sicilia lo scorso anno.

L'isola, come tutta l'Italia, che è tra i 5 Paesi più visitati al mondo e unico nel suo inestimabile patrimonio artistico e culturale, eccelle per natura ed enogastronomia. Questo è quello che ogni giorno Italy Sotheby’s International Realty vuole rappresentare nel mondo con una posizione di leadership nella promozione degli immobili più prestigiosi. La zona più richiesta in Sicilia è quella di Noto, al momento, ma anche Trapani e Palermo si stanno ben distinguendo.

Profumata e rigogliosa, da un punto di vista naturalistico comprensorio di eccezionale valore, l’Isola Lunga è un privilegio di rara bellezza. Inenarrabile la magia di un tramonto in quest’isola senza tempo. Quel tramonto che colora le vasche delle saline, rendendo il tutto, da sempre, un quadro d'autore.

La patria del turismo esperienziale e dell’amore per la cultura millenaria del sale, finita in una delle quarantadue meraviglie del concorso di Nutella "Ti Amo Italia", grazie al silenzio, al tepore del sole, ai profumi, ai paesaggi mozzafiato di questa Riserva Naturale con la naturale vocazione al “benessere” e il sottofondo estivo delle cicale, colonna sonora e poesia, assieme al vento che soffia fra gli aghi di pino.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

LE FOTO PIÙ VISTE DEL MESE