PERSONAGGI

HomeMagazineSocietàPersonaggi

Intrattenere era la sua arte: addio allo Zio Pippo, "grazie per la leggerezza e la spensieratezza"

L'eleganza, la delicatezza, la professionalità dell'intrattenitore palermitano amato da tutti, sono raccolte in questo breve video che, meglio di tante parole, fa capire il "personaggio" e l'uomo

Balarm
La redazione
  • 5 marzo 2021

«È stato un uomo buono, generoso e un padre meraviglioso». Queste sono le parole del figlio Riccardo per ricordare suo padre, da tutti conosciuto come "Lo Zio Pippo".

Animatore a 360 gradi, coinvolgeva bambini e adulti nei suoi giochi, nei quiz, nei programmi radiofonici e televisivi. Nelle sue gare, quelle dei castelli di sabbia in spiaggia a Mondello che non se ne aveva mai abbastanza.

Gare accompagnate dalla sua inimitabile voce che cercavi di capire da dove provenisse, ma era lì e ti accompagnava. Un'abitudine, una di quelle belle.

Fare divertire gli altri, intrattenere, era la sua arte, e lo ha fatto fino all'ultimo. Anche nell'estate del 2019 aveva portato in spiaggia uno dei suoi giochi inventato per il Festino: la "pesca Miracolosa, rendendo felici i bagnanti, grandi e bambini.

Lo Zio Pippo era un' istituzione.

Dalla notizia della sua morte sono tanti i ricordi che si rincorrono sui social, soprattutto di chi ha legato parte della propria infanzia alla sua figura.



"La sua voce suadente e divertente allietava le nostre giornate. Tutti conoscevamo lo zio Pippo e con lui se ne vanno tanti sogni della nostra infanzia felice", si legge, o ancora "Amava Mondello e tutta Mondello lo amava". C'è anche chi lo definisce il Mike Bongiorno palermitano e chi ha "postato" dei ricordi anche recenti, "Fino a poco tempo fa lo incontravo sotto casa coi capelli sempre uguali a passeggio col suo collie. Un personaggio della nostra adolescenza. Buon viaggio"

Per chi non avesse conosciuto lo Zio Pippo, ecco questo video, pubblicato da Lucio Meli su Fb e che così ne scrive: «Con lo zio Pippo Taranto se ne va anche un pezzo importante della nostra fanciullezza. Per me ed i miei compagni delle scuole elementari, che lo abbiamo conosciuto e vi siamo stati a stretto contatto, i ricordi sono tanti e tutti lieti e spensierati.

Le sue trasmissioni, nelle quali da bambini eravamo spesso ospiti, ed a cui si riferiscono queste brevi immagini che custodisco gelosamente, e tutte le altre occasioni che ci hanno permesso di interagire con lui. Ogni volta era sempre una festa! Un enorme dispiacere per me e sono sicuro per molti altri. Ciao zio Pippo, e grazie per la leggerezza e spensieratezza che ci hai regalato».

Un video che meglio e più di tante parole può far capire il "personaggio" e l'uomo. L'eleganza e la delicatezza, la professionalità.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

VIDEO RECENTI