TEATRO

HomeMagazineCulturaTeatro

"Presente Futuro": il festival delle arti performative al Teatro Libero

Prime nazionali, performance e cortometraggi: al Teatro Libero di Palermo l'appuntamento è, dal 23 al 27 maggio, con la dodicesima edizione di "Presente Futuro"

Caterina Damiano
Giornalista
  • 4 maggio 2017

Artisti provenienti da ogni parte del mondo, due prime nazionali fuori concorso e dodici corti: Palermo si trasforma in centro internazionale delle arti performative con la dodicesima edizione di "Presente Futuro", in programma da martedì 23 a sabato 27 maggio.

Il festival (visualizza il programma) è organizzato dal Teatro Libero in collaborazione dell’Ersu e da "Io Studio" per le attività di comunicazione e la logistica, dell’Instituto Cervantes di Palermo per lo spettacolo di apertura, della collaborazione e partnership del Be Festival di Birmingham, del sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

"PresenteFuturo" si propone come progetto che guarda al superamento dei confini di genere, di cultura e di lingua e quest'anno comprende un premio che permetterà al progetto vincitore di ottenere un gettone in denaro di mille euro, una settimana di residenza di creazione presso il Teatro Libero e la partecipazione al "Be Festival" di Birmingham del prossimo luglio.



Si comincia, come già accennato, il 23 maggio alle ore 21.15 con "El Agitator Vortex", primo spettacolo fuori concorso in prima nazionale della Compagnia spagnola Cris Blanco di Barcelona, realizzato con la collaborazione e il sostegno dell’ Instituto Cervantes di Palermo.

Si prosegue il 24 maggio con il secondo spettacolo fuori concorso in prima nazionale della compagnia franco-tunisina Selim Ben Safia "Sur le pas de ta porte", un lavoro incentrato sul tema del coraggio, sul concetto di casa, e sul tema del confine.

Dal 25 al 27 maggio a partire dalle ore 20 sono in programma le tre serate dei progetti in concorso: dodici corti ai bordi della danza, del teatro e della performance, i quali verranno giudicati da una giuria di qualità composta da Guido Di Palma, Nicola Fano, Atxarte Lopez de Munain, Beno Mazzone, Jean-Pierre Sag, Guido Valdini e Toméo Verges.

Il costo dei biglietti per le prime è di 8 euro (intero), 5 euro (ridotto abbonati e under 25). Il biglietto d'ingresso per il concorso è di 10 euro a serata per 4 progetti e di 6 euro (ridotto abbonati).

L'abbonamento, ovvero la "Card PF2017" ha infine il costo di 25 euro (intero) e 15 euro (ridotto abbonati e under 25). È possibile acquistarli biglietti e abbonamenti al botteghino del teatro. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito web del Teatro Libero o telefonare al numero 091.6174040.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI