MUSICA

HomeMagazineCulturaMusica

Roy Paci, Alex Britti, Dee Dee Bridgewater (e gli altri): il "Sicilia Jazz Festival" illumina Palermo

Una prima edizione ricca di grandi nomi e con progetti artistici inediti. Una settimana di concerti dislocati in diverse aree storiche di Palermo. Il programma e dove acquistare i biglietti

Balarm
La redazione
  • 29 giugno 2021

Stefano Bollani

Il Sicilia Jazz Festival apre i battenti con la prima edizione ricca di grandi nomi e con progetti artistici inediti.

Dal 13 al 19 settembre, per una intera settimana, si susseguiranno concerti dislocati in diverse aree storiche di Palermo, tra big, musicisti residenti, Maestri e giovani talenti dei Conservatori della nostra Isola.

Promosso dalla Regione Siciliana e dall’Assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo, la manifestazione è organizzata dalla Fondazione The Brass Group che, oramai da cinquantanni, promuove la musica jazz in Sicilia.

Una manifestazione contemporanea, quella del "Sicilia Jazz Festival", fortemente ancorata al territorio e pensata per una collettività che ha voglia di conoscere tutto ciò che sta intorno a sé e tutto ciò che sta al di fuori di un semplice concerto.

Così il coinvolgimento di importanti siti storici quale attrattiva turistica della città di Palermo, come il Teatro di Verdura, il Complesso Monumentale di Sant'Anna, il Complesso Monumentale Santa Maria dello Spasimo ed il Real Teatro Santa Cecilia.



Verranno, infatti, coinvolte Marching Brass Street Band che gireranno lunghe le vie del centro storico per far respirare aria di musica e note in jazz come segno tangibile di vita e di movimento, proprio subito dopo il periodo del lockdown, un periodo di dura prova per tutti gli artisti ed il mondo dello spettacolo.

All’interno del Festival, sarà organizzato anche un Jazz Village (qui il programma dei concerti) con le scenografie tipiche come le luminarie dislocate nell’area del Village, ricca di attrattive storiche e monumentali della nostra terra e “pezzi di storia” unici a livello internazionale.

Il Jazz Village si realizzerà infatti a Piazza Sant’Anna, Piazza Croce dei Vespri e Piazza Teatro Santa Cecilia, i siti: Complesso Monumentale di Santa Maria dello Spasimo (XVI Secolo), Real Teatro Santa Cecilia (XVII Secolo) e Complesso Monumentale di Sant'Anna (XV Secolo).

Un cartellone quello del "Sicilia Jazz Festival" che include una intera settimana con diversi concerti, in contemporanea, dislocati nelle aree storiche prescelte, con le sue proposte che attraversano territori musicali assai diversi tra loro ed il tutto accattivato dalla presenza di una madrina speciale, Barbara Pedrotti, noto volto televisivo che ama particolarmente la nostra Isola.

Ma non soltanto.

Ritorna al Brass, Massimo Minutella che, studente liceale, s’innamorò del jazz collaborando nella struttura organizzativa che per diversi anni ebbe la sua sede a Palazzo Butera. Oggi sede della Valsecchi Collections.

Tra i big del "Sicilia Jazz Festival" (qui il programma dei concerti) scorrono grandi nomi come quello di Stefano Bollani, appena vincitore ai Nastri d’Argento 2021 come compositore della migliore colonna sonora per il film “Carosello Carosone” ed ancora la leggenda della batteria Billy Cobham, il grande bassista e compositore camerunese Richard Bona.

E ancora le produzioni inedite che vedono protoganista l’Orchestra Jazz Siciliana insieme ad alcuni esponenti di spicco della musica italiana come Alex Britti, Samuel Romano (dei Subsonica), Roy Paci ed un tributo a Franco Battiato.

Tra gli appuntamenti anche il concerto dedicato a Lelio Giannetto, che vedrà la partecipazione dell’Instant Composer Pool e della Sicilian Improvisers Orchestra.

Il Festival è preceduto da due eccezionali anteprime in esclusiva europea. La prima in luglio con Dee Dee Bridgewater, autentica leggenda del canto jazz, la grande artista di Memphis ritorna in Sicilia dopo 17 anni (la prima volta risale al 1988).

In agosto un'altra preview con Lucy Woodward, ex degli Snarky Puppy e, prima ancora, corista di Rod Stewart. Entrambe accompagnate sempre dall’Orchestra Jazz Siciliana.

Ed il cartellone continua ad arricchirsi con le esibizioni dedicate ai cinque conservatori siciliani.

Saranno presenti con svariate esibizioni i dipartimenti jazz dei conservatori “Alessandro Scarlatti” di Palermo, “Arcangelo Corelli” di Messina, “Antonio Scontrino” di Trapani, e gli istituti superiori di studi di musica “Vincenzo Bellini” di Catania e “Arturo Toscanini” di Ribera.

Tutti i conservatori avranno degli spazi dedicati con tante performances grazie alle loro orchestre giovanili dirette e accompagnate dai docenti, ognuno per le competenze artistiche musicali.

Il "Sicilia Jazz Festival" vede anche la partecipazione di artisti residenti nel territorio siciliano, a partire da Gianni Cavallaro, padre storico del jazz siciliano, Gianni Gebbia che si esibirà in trio e che ha avuto successi riconosciuti in diversi città internazionali come New York e Tokyo.

E ancora Mimmo Cafiero, Vincenzo Palermo, Anna Bonomolo, la voce nera siciliana con la sua etno-jazz, il blues man Umberto Porcaro che ha vinto l’Italian Blues Award nel 2019, tra gli altri da Boston con furore la graffiante sassofonista e straordinaria interprete siciliana Carla Restivo, ed ancora Jumpin Up, Le Cordepazze e tanti altri.

Un cartellone quello del "Sicilia Jazz Festival", che si divide in due programmi ricchi di attività concertistiche continue e variegate.

Il programma dei concerti al Teatro di Verdura include l'anteprima del 17 luglio con The lady of jazz, Dee Dee Bridgewater e l'Orchestra Jazz Siciliana e quella del 20 e 21 luglio con Lucy Wooward.

Seguono poi i concerti di Stefano Bollani (13 settembre), Samuel feat. Roy Paci (14 settembre), Billy Cobham Band (15 settembre), il concerto di Mario Biondi (16 settembre), i concerti di Richard Bona Quintet e Joe Bastianich & La Terza Classe (17 settembre) e quello di Alex Britti (18 settembre) e l'omaggio a Franco Battiato (19 settembre).

I costo dei biglietti per assistere ai concerti al Teatro di Verdura variano da 15 a 25 euro (intero) e da 10 a 20 euro (ridotto under 26).

Più vasto il programma dei "Concerti Jazz Village" nei tre luoghi storici di Palermo: il Complesso Monumentale di Sant'Anna, il Complesso Monumentale Santa Maria dello Spasimo e il Real Teatro Santa Cecilia. Biglietti 5 euro (abbonamento giornaliero), 10 euro (abbonamento settimanale).

INFO E BIGLIETTI
Tutti i biglietti per i concerti sono acquistabili online oppure fisicamente al Real Teatro Santa Cecilia (via Piccola del Teatro Santa Cecilia 5) da martedì a sabato ore 9.30 alle 12.30 e al complesso monumentale dello Spasimo (via dello Sapsimo 13) da lunedì a venerdì, dalle ore 15.00 alle 19.00. Durante la settimana del Festival (13-19 settembre) tutti i siti dell'area village saranno aperti anche come botteghino a partire dalle ore 16.30. Info al numero 334 7391972.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI