MUSICA

HomeMagazineCultura

Sperimentare un nuovo jazz: Maryanna canta il classjazzpo nel suo nuovo album

Un esperimento tra musica classica orchestrale, jazz e il pop: è questo “Experimental Jazz – The new classjazzpo”, il nuovo album della cantautrice Maryanna

Mohamed Maalel
Booklover compulsivo
  • 7 maggio 2019

Raccontare la rinascita, rivendicare l’amore per sé stessi e per gli altri, sino a sperimentare nuovi modi di essere: queste le idee racchiuse dentro “Experimental Jazz – The new classjazzpo”, il nuovo album di Maryanna prodotto dalla stessa cantautrice e distribuito da Wondermark Advertising e The Orchard Music Distribution.

Un album che si discosta notevolmente dai precedenti lavori della cantante, che focalizza i suoni e le parole in un nuovo genere, il classjazzpo: «la nascita di questo genere si deve alla mia voglia di mettermi in gioco, in questo caso nel campo jazzistico. Questo album racchiude i miei 25 anni di esperienza musicale, sperimentando musica classica orchestrale, il jazz e il pop. Non è solo un cambio di stile musicale, ma qualcosa di più personale» racconta la cantautrice.

L’album è composto da sette brani, quattro inediti e tre cover, ed in ogni traccia è presente la volontà della cantautrice di avvicinare il pubblico più scettico al jazz, grazie a sonorità più leggere ma con la giusta sfumatura di jazz.

Le tre cover “A night in Tunisia”, “Round midnight” e “Crystal silence” sono accompagnate da pezzi inediti quasi sperimentali, che permettono di comprendere al meglio lo stile musicale ricercato e il racconto metaforico dei testi.

«Voglio comunicare a largo spettro ed è per questo che non parlo solo di me ma anche di persone vicine, lontane o di semplice passaggio. A volte sfogo la mia rabbia contro la superficialità e la mancanza di empatia, altre volte racconto l’amore per la natura e quello universale tra persone, sempre più difficile da trovare» confessa Maryanna.

La superficialità dei sentimenti è focus nel primo inedito “Tresi song”, accompagnato dal secondo pezzo dal titolo “Rebirth” che ben riassume la poetica musicale di Maryanna: «Rebirth rievoca la rinascita, questo modo nuovo di vedere le persone e situazioni, ma rievoca anche delle situazioni personali del passato, alcuni piacevoli ed altre no, ma che mi hanno permesso di ritrovare il coraggio di ricominciare e di rinascere» dichiara la cantautrice.

Il videoclip del brano, disponibile nella piattaforma Youtube, nasce dalla mente di Robin Udo, artista eclettico e visionario: «nel videoclip girano immagini che evocano visioni, come il mazzo di carte che rappresenta il destino e le varie possibilità della vita.

Dettaglio fondamentale è il due di picche metaforico che mostro alla fine del video, che ben rappresenta la rivincita contro chi non ha creduto in me» dichiara la cantautrice. Infine, gli ultimi due brani dal titolo “I challenge you” e “Love dreamer”, attraverso testi sarcastici e retorici, raccontano la delusione e la perdita dell’amore, ma anche della superficialità dell’amore a favore dei soldi, della fama e dell’ascesa personale.

Musica per sé, ma anche per gli altri: Maryanna procede verso la strada dell’empatia musicale, grazie ad un album che comunica il gusto del successo intimo e personale, senza rinunciare ai valori del buon animo umano.

L’album è disponibile in tutti gli store ufficiali e nelle principali piattaforme di riproduzione musicale.

ALTRI VIDEO