LIBRI

HomeMagazineCulturaLibri

Un altro tassello di speranza nel mosaico Ballarò: arriva una "libreria di strada"

L'iniziativa nasce da alcuni volontari europei dell'associazione HRYO che ha sede presso lo Stato Brado, dove è possibile lasciare libri che andranno nella libreria

Alessia Rotolo
Giornalista
  • 2 settembre 2019

La libreria di strada a Ballarò

Una finestra su una strada è diventata una libreria con tanti libri gratuiti a disposizione di chiunque voglia immergersi nella lettura. Accade a Palermo, dove una delle finestre del circolo Arci Porco Rosso in piazza Casa Professa, si è trasformata in un'opportunità per il quartiere di Ballarò.

Un altro piccolo tassello di speranza incastonato in un quartiere che ha fatto della recupero dal basso il suo vessillo e che prova - malgrado le difficoltà - a migliorare giorno dopo giorno all'ombra del cupolone della chiesa del Carmine.

La libreria di strada (Street Library) è un progetto dei volontari europei d'associaizone HRYO per la popolazione di Palermo. Lo scopo del progetto è diffondere l’idea dello scambio di libri (bookcrossing) a Palermo. Il bookcrossing è "la pratica di lasciare libri in luoghi pubblici per essere raccolti e letti da altri, che poi fanno altrettanto".

Il termine deriva da bookcrossing.com, un club di libri online gratuito che è stato fondato per incoraggiare la pratica, con l’obiettivo di "rendere il mondo intero una biblioteca". «Anche Palermo ci prova a diventare una libreria a cielo aperto - racconta Marco Farina, presidente di HRYO - grazie all'impegno di questo gruppo di ragazzi che arrivano da tutta l'Europa e che hanno voluto fare questo piccolo ma enorme regalo alla città».
Adv
«Se qualcuno ha un libro che pensa possa piacere agli altri, può semplicemente inserirlo nello scaffale della Street Library. - aggiunge Marco - i volontari hanno raccolto i libri e li hanno selezionati, attualmente la libreria raccoglie circa cento libri e speriamo diventi un'abitudine consolidata»

L’HRYO – Human Rights Youth Organization è un’organizzazione non governativa e non governativa fondata a Palermo nel 2009 con l’obiettivo di rafforzare i diritti umani a livello locale e globale. L’organizzazione lavora con i volontari internazionali e fornisce progetti educativi e di sensibilizzazione per bambini e giovani locali.

L’organizzazione ha sede presso lo Stato Brado, piazzetta di Resuttano 4, dove è possibile lasciare libri e prendere parte alle attività di organizzazioni come English Language Cafe.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE