STORIE

HomeMagazineSocietàStorie

Una casa a 1 euro per matrimoni di lusso in Sicilia: i due imprenditori texani ci riprovano

Il loro spirito d’avventura e la loro curiosità sono stati la combinazione perfetta che li ha spinti a volare oltreoceano, dagli USA sino a giungere in Sicilia e portare a termine un progetto iniziato nel 2021

Marta Pezzino
Blogger e fashion lover
  • 2 maggio 2022

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori
Il loro spirito d’avventura e la loro curiosità sono stati la combinazione perfetta che li ha spinti a volare oltreoceano, dagli USA sino a giungere in Sicilia, per diffondere il loro business.

Stiamo parlando di David Rexroat e Sean Raspberry, due imprenditori texani già proprietari della Rexberry Luxury Weddings and Events in Texas. Nello specifico, si occupano di progettare e pianificare eventi e matrimoni.

La loro idea di portare la loro attività in Sicilia è nata nel 2020, durante la prima ondata del Covid-19. Stavano guardando il programma, trasmesso da HTGV Show, dal titolo “My Big Italian Adventure” con la partecipazione di Lorraine Bracco (la star di Hollywood nota per il ruolo di Karen Hill nel film “Quei bravi ragazzi” di Martin Scorsese e della dottoressa Jennifer Menfi nella serie tv “I Soprano”).

L’attrice aveva acquistato una delle case a un euro nel comune di Sambuca di Sicilia, in provincia di Agrigento, e questo ha subito colpito i due uomini d’affari spingendoli a mettersi in contatto con il vicesindaco di Sambuca, Giuseppe Cacioppo.



Da lì ha avuto inizio il progetto dei due imprenditori che riguardava l’acquisto di uno degli immobili a 1 euro per creare una sede per ricevimenti di lusso e cerimonie nuziali. Infatti, nel 2021, avevano acquistato Palazzo D’Anna, un edificio storico di Sambuca, ma dal momento che non era totalmente adeguato per il loro progetto, hanno deciso di non arrendersi e continuare la ricerca di altre strutture seppur non appartenenti al gruppo di case a 1 euro.

Così, dopo un periodo di attesa e diversi alti e bassi, hanno finalmente trovato il posto ideale per dare vita alla loro idea.

L’edificio, che aprirà le sue porte nel 2023, è sito sempre nell'agrigentino ma al momento preferiscono che la location esatta rimanga segreta. Non solo sarà una residenza per matrimoni ed eventi di lusso, ma ci saranno anche stanze da inserire nel circuito Airbnb, sale per conferenze, una piscina e una vista mozzafiato che ruberà il cuore di tutti.

Il progetto ha iniziato a prendere forma grazie all’aiuto dell’architetto Sergio Ciraulo che ha permesso loro di visitare più edifici possibili e di Elisa Roccaforte e Paolo Varsalone che, insieme, hanno contribuito nell’avventura dei due imprenditori nel ruolo di interpreti.

La scelta di acquistare un edificio in Sicilia, nonostante il primo tentativo sia andato in fumo, è rimasta viva dentro di loro in quanto nutrivano già un amore per la cultura, il cibo e il clima dell’isola. Il pensiero di poter dare lavoro alla gente del posto, sia durante la fase di ristrutturazione che dopo, e di contribuire alla crescita del turismo è stato il carburante di questo loro viaggio.

David Rexroat ha affermato, però, che le difficoltà non sono mancate. La gente non capiva ciò che stessero facendo, pertanto nei loro riguardi c’erano un po’ di diffidenza ed esitazione. Ma questo non li ha fermati. Infatti, per farsi conoscere dalla gente, hanno organizzato un incontro in uno dei bar locali della zona includendo anche il sindaco e così hanno conquistato la fiducia e il supporto della gente.

Inoltre, secondo l’esperienza personale di David, ciò che ha constatato è che in America tutto va più velocemente, in Sicilia, invece, il passo è più lento, quindi per ottenere qualcosa, come in questo caso la realizzazione della residenza per eventi di lusso, bisogna restare pazienti, prendere fiato e seguire il flusso.

Questo insegna a non gettare via la spugna solo perché la meta da raggiungere sembra lontana, bensì bisogna essere resilienti, senza farsi demoralizzare da ciò che apparentemente sembra essere tortuoso e, quasi, irraggiungibile.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE