TEATRO

HomeMagazineCulturaTeatro

A Palermo torna l'Agricantus: il cartellone degli spettacoli estivi in un "salotto a cielo aperto"

Riapre la consueta area pedonale di via XX Settembre, pronta ad ospitare una nuova stagione del teatro Agricantus. Tutti gli spettacoli in programma, da giugno a ottobre

Balarm
La redazione
  • 10 giugno 2021

Antonio Pandolfo e Marco Manera

Un appuntamento che si rinnova ogni anno e che per fortuna torna anche per la stagione estiva 2021.

A Palermo riapre infatti la tradizionale area pedonale di via XX Settembre che si prepara così ad ospitare una nuova ricca stagione del teatro Agricantus.

Il tratto di strada in questione è quello compreso tra via La Farina e Piazza Goffredo Mameli.

Uno spazio aperto, pedonalizzato, restituito alla vita cittadina sotto nuova forma, che diventa la cornice che accoglierà la manifestazione di teatro comico “Palermo non scema”.

Una cornice di alto pregio storico e turistico, appartenente al centro storico allargato, le cosiddette “Terre Rosse della Contrada Piana dei Colli”, ricca di prestigiose ville storiche, tra cui Villa Trabia, di splendidi giardini, tra cui il Giardino Inglese, di notevoli strutture ricettive, tra cui l’Hotel Excelsior, e di numerose attività commerciali e ristorative, tra cui Italo Gusto e Quartararo Scarpe, Monnalisa Profumeria e Mobili Piazza.



Ad impreziosire ulteriormente una zona già vitale, anche questa estate, si aggiungerà l’Isola che, come spesso accade nelle più popolate isole pedonali europee, consentirà di godere di spettacoli dal vivo al riparo dal caos, dallo stress e dallo smog.

Gli spazi aperti e ventilati, da sempre rassicuranti fonti di quella frescura tanto ricercata nel periodo estivo, quest’anno saranno essenziali, insieme a tutte le norme di sicurezza già adottate, per prevenire la diffusione del Covid-19 e poter godere della manifestazione in piena sicurezza e serenità.

Lo spazio sarà attrezzato per l’accoglienza del pubblico attraverso un opportuno distanziamento dei posti a sedere disponibili, l’utilizzo di cartellonistica informativa sulle norme da adottare all’interno e fuori dallo spazio designato, dispenser di gel sanificante per le mani.

E ancora, segnaletica del piano stradale rivolta al rispetto del distanziamento del pubblico in attesa, postazioni termoscanner per verificare la temperatura degli avventori, obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione individuale (mascherina) ed altri accorgimenti atti a rendere l’esperienza di fruizione priva di rischi per la salute.

Un "piccolo salotto culturale a cielo aperto" che l’Agricantus è riuscito a creare e a modellare in questi lunghi anni facendolo emergere e sparire nell’arco di una notte come l’Isola Ferdinandea e che conta oltre 10.000 presenze per ciascuna edizione.

Sempre nel rispetto delle norme sull’ambiente, gli spettacoli previsti dall’11 giugno al 21 luglio inizieranno alle 20.30; quelli dal 22 luglio al 31 agosto inizieranno alle ore 21.30, quelli dall’1 settembre al 17 ottobre inizieranno alle ore 20.30.

Gli spettacoli iniziano venerdì 11 giugno 2021 per proseguire fino al 17 ottobre 2021, con la tradizionale manifestazione "Palermo Non Scema Festival" (XXIV edizione).

In scena un calendario artistico di circa 80 giorni di rappresentazioni e 12 titoli, di teatro comico popolare contemporaneo siciliano e meridionale, con l’obiettivo della valorizzazione dell’identità culturale regionale e non e l’intento di potenziare l'offerta turistica integrata territoriale. Saranno inoltre previste 3 date dedicate alla musica.

Ad inaugurare il Palermo Non scema Festival, venerdì 11 giugno (repliche sino a domenica 27), sarà lo spettacolo “Papà à la coque” che vedrà Sergio Vespertino nel ruolo più complesso, più avvilente eppure più magico della sua vita: il papà. Vespertino dipingerà con abile ironia una figura spesso sottovalutata, ma fondamentale, con tutta la sua leggerezza e le borse sotto agli occhi.

Venerdì 25 giugno il nostro palco ospiterà “Ciavuru di legnate”, uno spettacolo dedicato alla mamma siciliana ricca di vizi e di virtù, sempre riconoscibile ed iconica, imprescindibile nel bene e nel male per ogni figlio di ogni generazione. A raccontarcela saranno Giovanna Carrozza e Maria Grazia Saccaro.

Giovedì 1 luglio (repliche sino a domenica 4) tornerà Sergio Vespertino che ci racconterà una leggenda moderna capace di attraversare l’oceano sulle note di un pianoforte. “Novecento” è la bizzarra storia di Danny Boodman T.D. Lemon Novecento, che, ancora neonato, viene abbandonato a bordo del transatlantico Virginian, dove farà della sua esistenza e del suo talento un’eterna meteora, romanzo di Alessandro Baricco reso celebre dal film di Tornatore.

Da giovedì 8 luglio (repliche sino a domenica 18) comodamente seduti in platea cominceremo un viaggio attraverso una regione ricca di contraddizioni e di peculiarità. “A spasso per la Sicilia” sarà un viaggio esilarante sospeso tra bellezze sorprendenti, musica dal vivo e le moltissime caratteristiche di un popolo indomito e libero. A farci da Cicerone saranno Gianni Nanfa e Francesco Giunta.

Da giovedì 22 luglio a domenica 1 agosto esorcizzeremo un periodo tragico che ha attraversato le famiglie nel 2020. “Saremo una 40ena” racconta di una coppia costretta alla convivenza, tra risate, crisi, un mondo che continua a cambiare tra il complottismo e la speranza di divenire magicamente persone migliori. Ernesto Maria Ponte e Clelia Cucco tenteranno di rispondere ad una domanda che ci assilla: andrà tutto bene?

Lunedì 2 agosto (repliche sino a venerdì 6) un ritorno carico di energia, con “Siamo adulti e vaccinati” ripercorreremo la carriera e l’amicizia dei due protagonisti Antonio Pandolfo e Marco Manera, uno sguardo al passato, con i migliori sketch degli ultimi anni, ed uno al futuro, provando ad immaginarsi quando questo periodo sarà finito.

Sabato 7 e domenica 8 agosto ospiteremo una storia di amore e dispetti fraterni in “Ho adottato mio fratello”, una convivenza forzata tra due fratelli e due ospiti imprevisti, tra gag, equivoci, scorrettezze e tante risate. Ad interpretare i 4 inquilini saranno I Pezzi di Nerd (Mirko Cannella. Michele Iovane, Jey Libertino e Niccolò Innocenzi).

Lunedì 9 e martedì 10 agosto il palco diverrà una piazza ricca di magia, acrobazie, numeri di giocoleria e la spettacolare danza delle sfere di cristallo. Sarà un vero e proprio “Incontro con uomini straordinari”, capaci di trasportarvi in una dimensione altra e di donarvi un regno di fantasia, dietro quei numeri abbaglianti ci saranno le abilità dei Giullari del Diavolo (Stefano Catarinelli, Rosimeire Dos Santos, Enrico Alimenti).

Da mercoledì 18 a martedì 31 agosto, da mercoledì 1 a giovedì 30 settembre e da giovedì 7 a domenica 17 ottobre ci incontreremo in “Via San Lorenzo”, un luogo saturo dell’attesa di un incontro. Sergio Vespertino prova a diramare il groviglio di strade che l’hanno portato lì, in quel luogo, in quell’istante. Il destino l’ha condotto ad un incrocio, un appuntamento che contiene in sé ogni possibilità di sconvolgere la sua esistenza.

Venerdì 3 settembre ripercorreremo la storia d’Italia, o meglio, la sua “controstoria”. Andremo ad esplorare la genesi della questione meridionale e del concetto stesso di “Terroni”. Roberto D’Alessandro ci consegna una storia non edulcorata, una denuncia di amara ironia e rabbiosa passione sulle tante ingiustizie che hanno privato il Sud della sua ricchezza e della sua dignità.

Sabato 4 settembre siamo convinti che “C’è sempre una ragione di più” per ripercorrere con leggerezza e ironia, sulle note di Califano, le cronache degli anni ’70 e ‘80, dalle grandi rivoluzioni, ai gossip dell’epoca, agli anni di piombo. Un allegro resoconto storico a cura di Marco Simeoli e Francesca Nunzi.

Domenica 5 settembre ci immergeremo in “Napoli canti e cunti”, uno spiraglio di cultura napoletana affidata alle mani ed alla voce sapiente di Enzo Carro. Tra note, cunti raccontati, cunti cantati, cunti cantati e raccontati, cunti in forma di filastrocca: una Napoli tutta da scoprire.

Venerdì 1 ottobre (repliche sino a domenica 3) il palco si vestirà a concerto, lasciando spazio ad un quartetto d’eccezione: l’armonicista e compositore Giuseppe Milici, Nicola Pannarale al piano, Filippo de Salvo al basso, Saverio Petruzzelli alla batteria. “Giuseppe Milici Quartet plays Ennio Morricone”, una serata dedicata al grande compositore, indiscusso re di Hollywood.

L’evento è inserito nel programma Puglia SoundsTour Italia 2020/21 della Regione Puglia per lo sviluppo del sistema musicale regionale.

Come acquistare i biglietti
È possibile acquistare i biglietti degli spettacoli direttamente al botteghino del teatro. Il botteghino è aperto il martedì e il mercoledì dalle 11.00 alle 13.30 e dalle 17.00 alle 20.00; giovedì e sabato dalle 11.00 alle 13.30 e dalle 18.30 alle 22.00; la domenica dalle 18.30 alle 22.00.

In alternativa è possibile acquistare i biglietti online sul sito dell'Agricantus o sul sito di Tickettando.

Per maggiori informazioni potete chiamare il teatro al numero 091 309636.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI