MUSICA

HomeMagazineCulturaMusica

Marta sui Tubi, due siciliani che han conquistato il Nord

Titolo: “Muscoli e dei”<br> Anno: 2003<br> Etichetta: Eclectic Circus

Ma ‘sti benedetti ragazzi sono veramente così incoscienti? Pensano, prima di fare qualcosa? E stiamo parlando di un disco, di registrazioni in studio, mesi di lavoro, danaro… la vita non ti offre tante possibilità, perché buttarle via così? Pensate: un duo, siciliani votati ai vizi bolognesi ormai da un paio di anni (adesso anche a quelli milanesi), uno che tiene proprio “na bella voce”, un bel timbro, corposo; l’altro che ha imparato a suonare le canzoni italiane per come gliele avrebbe insegnate Tuck Andress, e in più canta. Perfetto. “Facciamo due lire? Potremmo prendere qualche serata in qualche locale….facciamo quello che conosciamo meglio… Nick Drake, Tim Buckley… io con ‘sti pezzi ormai ci giochicchio…” e fin qui tutto bene. Ma che bisogno c’era di inserire anche Bugo in scaletta? C’era bisogno di andarlo a trovare al MEI a Faenza? State attenti, ragazzi…

C’era bisogno di “giochicchiare” tanto con la chitarra, con la voce…? Fare a pezzetti le melodie vocali, le progressioni armoniche, rallentarle, velocizzarle… e tutto in italiano. Ricomporle secondo la stessa logica con la quale viene fuori un punteggio di dadi agitati tra le mani e gettati sul tavolo… Ah si, magari vi eravate stancati della solita canzone nazional-popolare, degli ultimi terribili anni della produzione discografica italiana… finiamola con i soliti discorsi!  Vorrei provare a salvarne almeno una, di canzone, ma come fai? Va bè, le armonizzazioni vocali  mai inopportune (L’Equilibrista), i temi delle canzoni possono avere molta originalità (Volé)… ok, l’incalzare nella coda dei pezzi è azzeccato con i fuochi d’artificio o con le monetine che cadono una dietro l’altra… vabbè, e allora? Bravi, sarete creativi ma non è così che si diventa Eros. E anche se avete trovato un altro disperato come voi sotto il nome di Eclectic Circus (“eclectic, noi siamo eclettici, siamo artisti”) non pensiate chissà che… nemmeno se qualcuno come il navigato Fabio Magistrali vi ha curato la produzione… tanto meno perché qualcuno ha scritto su di voi.

Dovrete rimettere la testa a posto, prima o poi. Fare un disco come tutte le persone normali, ecco cosa dovete imparare. Anche se a me piace, anche se sono passati alcuni mesi da quando questo cd è entrato nel mio lettore e non ne è più uscito, anche se ne ho regalato a qualche amico, anche… ok, lo ammetto: sto disco è proprio ‘na bella boccata d’aria’. “Muscoli e dei” dei Marta sui Tubi è proprio un bel disco!

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE