PERSONAGGI

HomeMagazineLifestyle

Tra i supereroi Marvel insieme ad Aurelio: fumettista di casa nostra con i sogni avverati

Dopo "più bassi che alti" (come dice lui) alla fine è riuscito a realizzare il suo più grande sogno: diventare un disegnatore fumettista per la casa editrice statunitense

Giuliana Imburgia
Giurista e fashion addicted
  • 17 aprile 2019

(Le mani di) Aurelio Mazzara mentre disegna

È proprio vero che, a volte, i sogni d’infanzia diventano realtà. Esattamente com’è capitato ad Aurelio Mazzara, trentacinquenne palermitano, che dopo "più bassi che alti" alla fine è riuscito a realizzare il suo più grande sogno: diventare un disegnatore fumettista per la casa editrice statunitense Marvel.

La passione di Aurelio per i supereroi dei fumetti nasce quando suo padre, da piccolo, gli regalò un fumetto dell’Uomo Ragno per farlo stare buono, come ci racconta.

Da lì iniziò a disegnare ovunque; un passatempo che diventò la sua più grande passione e oggi anche la sua professione.

«Mentre tutti i miei compagni giocavano a calcetto, io passavo il mio tempo libero scopiazzando le sagome dei miei eroi preferiti e ricalcando su carta i personaggi che vedevo sulle scatole dei miei giocattoli» dice Aurelio.

Finito il liceo, Aurelio decide finalmente di far diventare quella passione un lavoro e così frequenta una scuola di fumetti nella sua città. Ma, concluso terzo anno della scuola, per il giovane artista non è stato proprio tutto rose e fiori, come lui si immaginava.

«Per un giovane fumettista, fresco di scuola, non è facile inserirsi in questo mestiere – spiega - c’è davvero tanta concorrenza, soprattutto internazionale, e tanti ragazzi bravissimi da tutto il mondo. All’inizio, infatti, ho dovuto digerire tante porte chiuse e altrettante false partenze a tal punto che, dopo che sono diventato papà, mi scoraggiai e decisi di mollare e di cambiare mestiere, per poter sbarcare il lunario con la mia famiglia».

Aurelio però, nonostante il cambio di rotta lavorativo, continua comunque a disegnare e a postare i suoi lavori sul web. Un giorno viene contattato prima dalla casa editrice IDW Publishing, che gli commissiona un fumetto sulle Tartarughe Ninja e poi, finalmente, arriva la telefonata tanto attesa con il prefisso americano.

«Nel 2016 mi hanno chiamato dalla Marvel, mi dissero che avevano notato un mio bozzetto tramite una piattaforma online di recruiting per giovani talenti, dove io a tempo perso postai alcuni miei lavori - continua - Mi commissionarono proprio la realizzazione di un’illustrazione del mio supereroe preferito, Spiderman e io, preso dall’entusiasmo, gliene inviai ben due».

«Penso che i disegni gli siano piaciuti perché da lì ho iniziato a collaborare stabilmente».

Oggi Aurelio, marito e padre, oltre ad essere un docente della scuola di fumetti di Palermo, è anche un penciller per la Marvel Comics, per la linea Marvel Pressbook, disegnatore fumettista di ben due libri su Spiderman e uno sugli Avengers e collabora anche con la IDW Publishing.

Raggiunto questo obiettivo, oggi ci confessa però averne già un altro, altrettanto ambizioso. «Da anni desidero realizzare un fumetto ambientato qui a Palermo. L’idea è quella di un supereroe urbano, una storia di origini molto legata alla figura della trinacria»

«Esiste già un progetto che ho messo in piedi insieme ad un mio collega sceneggiatore - conclude - Mi piacerebbe poter creare qualcosa di riconoscibile per la mia città».

articoli recenti